Giorgio Mulè “E’ inaccettabile questo Governo fuori dalla realtà”

Politica

La misura è colma, il tempo per continuare a prendere in giro gli italiani finito.

Questo governo fuori dalla realtà, questo premier egocentrico e mai consapevole del confine sottile che separa la dignità dalla vergogna hanno i giorni contati. Perché se a marzo poteva essere concesso tempo, pazienza, errori e confusione, a metà dicembre questo Dpcm è inaccettabile.

È inaccettabile che il 4 dicembre si siano date regole per un “Natale sereno” salvo poi cambiarle lasciando un Paese in attesa di conoscere il proprio destino nella tarda serata di venerdì 18 dicembre.

È inaccettabile il ritardo costruito ad arte dal ‘Casalino show’ che a botte di “Fra poco” e inquadrature improbabili preferisce il circo mediatico alla sobrietà che il momento imporrebbe.

È inaccettabile sfinire con confusione e arroganza gli italiani preoccupati del loro destino, della loro attività, dei loro cari.

È inaccettabile mostrare a reti unificate quanto poco gli interessi dell’emergenza, totalmente mal gestita sia da un punto di vista sanitario che economico, e quanto invece dell’output mediatico.

La conferenza stampa di ieri sera è stato forse il punto più basso di questa legislatura, dopo la passerella a Bengasi, la geolocalizzazione di Casalino durante un’operazione in corso dei servizi segreti, dopo la continua lotta su poltrone e nomine, dopo l’annuncio di 645 milioni di ristori immediati: una cifra che fa a pugni con la matematica e il buon senso considerate le perdite nette per ristoratori e commercianti che si aggirano intorno alla decina di… miliardi.

E allora, con misure confuse e ridicole, con le code che ci saranno su strade e autostrade di famiglie divise in gruppetti per potersi spostare, con il fallimento oggettivo delle “zone colorate” e con un Natale mai salvato e molto compromesso, proviamo a capire come è stato possibile pensare e ritenere logico mettere il Paese in zona rossa il 6 gennaio e aprire scuole e impianti da sci il 7 gennaio. Va contro ogni tipo di ragionamento scientifico e razionale.

Fosse per me impacchetterei Conte e la sua maggioranza sgangherata e li manderei a casa ora, ma siamo nelle mani di partiti che pur di rimanere attaccati alla poltrona in Parlamento voterebbero l’occupazione della Cirenaica.

Giorgio Mulè deputato Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.