In quella latteria che profumava di solidarietà, ho imparato ad amare Milano

C’era una piccola latteria, in zona Magenta, senza pretese, i tavoli di legno scolpiti dall’uso, le sedie un po’ spagliate, la luce fioca per non consumare più del dovuto, un proprietario gioviale, sempre di buon umore. I prezzi erano davvero convenienti e la cucina casalinga era, comunque, saporita e genuina. La scelta della portata era […]

Leggi tutto

C’’era una volta la fierezza della vecchia Milano…(video)

C’era una volta Milano, con la sua frizzante bellezza, la fierezza di un impegno costante, la musica della sua operosità. C’era una volta la Storia di una città che non si è mai arresa, che ha braccia e creatività infinite, che non conosce il vittimismo. Sfogliare la vita di Milano, ricordare con riconoscenza è “bello” […]

Leggi tutto

Milan “Te voeuri ben inscì come te seet” (Walter Valdi)

Nostalgia in una lacrima, forse…Dedicata a chi ha conosciuto l’anima di questa città, con le dimensione dell’incontro, della chiacchierata, di quel vogliamoci bene che ha dato forza e volontà nei periodi difficili. La sera è un ricordare l’amore, nella solitudine forzata nelle case, è un ritornare alla voglia di rinascere. Ora come allora quando le […]

Leggi tutto

Milano i mestieri spariti: ‘El barchiroeu’ (Ma anca i Navili a hinn spariì)

Metà 1910 circa – Al temp di Navili in tè la Cerchia interna de Milan, i mercànt faseven viagiaà i material de Fabricà cunt i barcòn che andaven sù e giò dai Navili, scaregaven anche in di scioster (magazzini di materiale vari per l’edilizia, legname e chi pusè gh’è nà, né mèta) sul percoors. Vuna […]

Leggi tutto

MESTIERI SPARITI (quand a gh’era el Biglietari tucc pagaven el so bigliett…)

Milano, prima metà degli anni 40. A hinn moment dificil, per chì a l’è al front lontàn de cà soa a combatt e per chì l’è restaà a cà a cercà de tirà avanti tra vuna dificoltà e l’altra. I trasporti Milanes  semper primm in tucc, pruvaà dai bombardament e dala mancansa del Personal inisian […]

Leggi tutto

Regaliamoci il sogno di una Stazione Centrale senza bivacchi con quel ‘caffè del ginoeucc’

Il tempo caratterizza le abitudini, le tradizioni e scandisce le ore, evidenzia i costumi del periodo storico. Per dire che un luogo si trasforma, rispecchia la società del momento. Oggi i bivacchi degli extracomunitari clandestini, gli stracci che servono da giaciglio, la sporcizia a coronamento del loro “riposo” fotografano una Stazione Centrale ibrida di illegalità […]

Leggi tutto