Parla Berlusconi ed è il risveglio di giustizialisti e magistratura politicizzata

Politica

L’ipotesi che Forza Italia “appoggi” l’attuale esecutivo Conte in questo difficile contesto causato dalla pandemia, come affermato la scorsa settimana da Silvio Berlusconi, ha fatto immediatamente irrigidire i “giustizialisti” di casa nostra.

Piercamillo Davigo, in una intervista a La7, ha sostanzialmente detto che Berlusconi (condannato per evasione fiscale) in un Paese normale sarebbe fuori dalla politica. Benissimo.

Perché l’Italia, allora, non è un Paese normale e difficilmente lo diventerà?

Un motivo è certamente la scarsa credibilità di una parte della magistratura, soprattutto quella più politicizzata.

L’opinione pubblica, che ha continuato a votare Berlusconi nonostante i processi in corso, è  sempre rimasta nauseata dalla continua campagna di aggressione mediatica che il leader FI ha subito in questi anni attraverso la violazione continua del segreto istruttorio.  Vedasi, ad esempio, le intercettazioni del  processo Ruby, conclusosi con la completa assoluzione di Berlusconi.

Ma chi sono i protagonisti di questa situazione?

I magistrati politicizzati, appunto, e i giornalisti altrettanto politicizzati.

Soggetti con chiari obiettivi politici, ma “irresponsabili” perché “non responsabili” di fronte all’elettorato.

Renzi, travolto anch’egli dalle inchieste giudiziarie sulla Fondazione Open e dal conseguente assalto mediatico, ha deciso ieri di creare un sito internet, www.guerraarenzi.it  per reagire a questa deriva dello Stato di diritto.

Se Berlusconi ha sempre accusato  gli ex alleati Gianfranco Fini e Pierferdinando Casini di avergli impedito di riformare la giustizia, Renzi che da segretario arrivò ad avere il 40% dei voti  a chi darà invece la colpa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.