Piazza Fontana: giusto ricordare l’orrore della strage e il valore di chi ha lottato per la verità

Non c’è verità nei lunghi processi che si sono accavallati, rincorsi, nella nebbia di depistaggi, reticenze, ipocrisie.  17 morti innocenti testimoniano l’orrore dell’uomo, il fanatismo di una ideologia sbagliata, il sangue di un odio che dà inizio a un lungo periodo di tensione violenta. Ricordare oggi dopo 50 anni in cui Milano ha visto, metabolizzato, […]

Leggi tutto

Antagonisti che hanno insultato Brigata ebraica “È stato odio razziale”

Se questi sono uomini…Parafrasando Primo Levi (che attribuiva la definizione ai disperati di un lager che erano uomini eroi), questi sedicenti manifestanti, l’odio rabbioso nelle parole e nei gesti contro la Brigata Ebraica, sono uomini o …? (Ciascuno concluda come vuole) Sono gli irriducibili antagonisti, eredi delle BR, odiatori di professione  degli ebrei violenti verbalmente e […]

Leggi tutto

Sala si esalta “Tosca come le 5 Giornate di Milano”. Perchè?

Milano s’inchina a Milano, la genialità e l’operosità milanese s’inchinano alle intuizioni della creatività italiana. Milano ha la testa fiera d’orgoglio dopo la Prima della Scala, per aver scelto e prodotto una “Tosca” da record di applausi e di spettatori. Le eccellenze coinvolte sono state amalgamate con cura, la Scala ha illuminato con il suo […]

Leggi tutto

Quando gli “ultimi” diventeranno primi ad una Prima della Scala, fieri di essere italiani?

Il grande rito della inaugurazione della Scala è terminato con un trionfo. Forse è giusto così, anche se Pavarotti non ha seguaci alla sua altezza. “Tosca” trasmessa in Televisione è ripresa nei dettagli, con un’acustica perfetta, l’impressione è di assistere ad un’opera senza un tempo che circoscrive, che limita il linguaggio universale di autodeterminazione. E’ […]

Leggi tutto

Una Milano senza dignità “accoglie” e abbandona nel degrado

Il tempo non può chiedere di fermarsi, non può invocare la fine della miseria, dell’abbandono. Ma là, nei sottopassi in zona Stazione Centrale, è la palude stanca di tanti disperati. Ognuno con il proprio fardello di vita, non importa se extracomunitari o italiani, non importa se ubriachi o affamati. Stanno là con tre stracci e […]

Leggi tutto

Il nulla dichiarato da Santori e il nulla delle sardine al seguito

Ciao..Bella Ciao…Ciao per quella metafora avvilente che sei diventata, per quel simbolo usurpato che invade anche l’Europa, per quell’esigenza di essere la comunità, ormai, del nulla. Un vestito di musica per tutte le stagioni, per teste all’ammasso, per chi vuole omologarsi e sentirsi forte. Peccato.. Era una ballata delicata che esaltava un partigiano, ma erano […]

Leggi tutto

Pro Tetto promuove iniziative solidali “Aiutateci per aiutare”

“Aiutateci per aiutare”! Soprattutto nel periodo natalizio, con il freddo che acuisce la fame e la nostalgia del tepore di una famiglia e dei suoi affetti che diventano insopportabili. I volontari di Pro Tetto che si preoccupano dei clochard e dei loro problemi spesso di sopravvivenza, lottano contro le ingiustizie sociali, distribuiscono pasti e coperte, […]

Leggi tutto

Nella ricca Milano, un clochard disabile muore di freddo. Modello da esportare?

C’è un Paradiso privilegiato per i clochard? Ma sì, deve esistere con l’aureola del martirio, nel cielo più alto, per premiare una vita di abbandono. E danzeranno, canteranno, rideranno, finalmente. A Milano si muore ancora di freddo, abbracciati a un anonimo piumone, su una sedia a rotelle, dimenticato come fosse un intruso, accartocciato nei suoi […]

Leggi tutto

Eravamo un po’ naif, ma in questa Milano sguaiata, con chi canterò?

Eravamo un po’ naif, come si conviene quando si viene “da fuori” e quella Milano era panna montata frullata ad arte dalla sensibilità con una spruzzata di timidezza che era l’attesa e la meraviglia della scoperta. Erano gli anni fine sessanta. Anni in ebollizione, pirotecnici, grondanti di promesse, attraversati da nuovi fermenti di autodeterminazione. Ed […]

Leggi tutto

E’ l’ora di ridere: 25mila sardine a Milano per arginare il neonazifascismo

Nel teatro delle parole dell’attuale politica emerge spesso l’incapacità dell’uomo di rapportarsi in modo adeguato, con la persona destinataria di esigenze, di problemi irrisolti, di giusto trattamento. Guardare gli occhi cerulei di Cuperlo (PD) che sorride beato davanti alle cosiddette sardine con il pugno chiuso di speranza è ammettere il fallimento di un partito arroccato […]

Leggi tutto

Il dio coltello e la violenza “Mi chiamo Usman Khan…”

Mi chiamo Usman Khan, 28 anni,  ma già mi conosci, sai che neppure il braccialetto elettronico mi ha fermato, a London Bridge, sai che il sangue di due vittime e tre feriti mi hanno fatto sogghignare di piacere. E tutta quella gente sorpresa, gli agenti che correvano sbandati…beh… non credevo di essere bloccato da quei […]

Leggi tutto