MilanoPost Osho 1 e 2

Il Romadan s’è fermato a Raiplay

C’è un flusso d’energie e di sonnolenze che si irradia e congiunge il subcontinente indiano al Mediterraneo. E’ fatto di inefficienza, indifferenza e spiritualità e non risolve i mali del mondo ma ci convive scavalcandoli meditando sulla bollitura dell’acqua calda. Se in Così parlò Bellavista faceva il professore davanti alle socratiche peripatetiche, il santone indiano […]

Leggi tutto
Israele e la striscia di Gaza

Cosa non sa l’Occidente di Gaza

Incassato l’ultimatum del Consiglio di Sicurezza, Israele l’ha archiviato tra le 69 risoluzioni di condanna ricevute in passato dal Consiglio a riguardo della Palestina (senza contare altri 29 veti USA). Israele resta paria per l’accusa di apartheid dal Sudafrica e genocidio da politici come Macron, il dem Schumer, primo ebreo Usa, Borrel ed i centri […]

Leggi tutto
MilanoPost 25 aprile antisionista

25 aprile della globalizzazione

Il 25 aprile del 2024 ha perso di vista l’iniziale motivazione di celebrazione. Anche questo è il senso del depauperamento del contenuto europeo che interessa a ben pochi. In uno sforzo celebrativo l’informazione istituzionale ha cercato luoghi e persone dei cinquemila fucilati per rappresaglia da parte dell’occupante tedesco. È il motivo più unificante dove la […]

Leggi tutto
MilanoPost 1984 -2034

1984 e 2034

1984, pubblicato nel 1949 descriveva il mondo del controllo autoritario globale appena sconfitto ed insieme vincente nelle due varianti nello stato autoritario di destra e di sinistra, accomunati in una Weltanschauung opposta all’anglosassone. Oggi, nella metà del mondo a democratico mercato libero unico, il controllo sistematico e profilato impera sulle persone. 2034 (Il romanzo della […]

Leggi tutto

Le paure delle elezioni del 2024

Il 2024 è l’anno delle elezioni globali con metà della popolazione. Al voto i paesi europei, 9 americani, 16 africani, 11 asiatici, 4 d’Oceania. L’idea progressista, dal Commissario Moscovici all’Alto Rappresentante Borrell all’ex della Consulta Amato, è che ormai le elezioni siano pericolose. Le elezioni tunisine appena svoltesi confermano la demotura del presidente Saied. Sarà […]

Leggi tutto