Scalpi di inizio anno

2015, a metà del decennio scorso, Renzi, premier (il più giovane della storia d’Italia) impose un siciliano, il primo al Quirinale .Era reduce, da un anno, dalla più grande vittoria del suo partito, elevato al 40%, cifra, berlusconiana, mai più raggiunta dai democratici. Aveva vinto inaugurando le grandi elargizioni pubbliche caritatevoli. Aveva due anni prima conquistato […]

Leggi tutto

All’antimafia non piace il rap tedesco

Si chiama Padrino facile, anzi fazile; un padrino disponibile, che non fa storie, che risponde sempre al telefono, che corre agli appuntamenti, anche quelli proposti last minute. Oppure, ed è il vero senso del nickname Eazy Padrino del rapper tedesco Razor Prala, si tratta della carriera facile, alla portata di mano di qualunque ragazzo del Maghreb, che lo […]

Leggi tutto

Cosa non si fa per avere la Presidentessa

Due di notte, ora italiana, giovedì 5 novembre, sono passati due giorni dall’election day americano. Non c’è ancora un vincitore, afferma l’Associated Press. Lo sfidante  Biden ha già 264 grandi elettori, il presidente Trump solo 214, quindi al democratico mancano solo 6 grandi elettori per varcare la soglia del successo dei 270. D’altro lato se […]

Leggi tutto

Per lo smartworking ci vuole un accordo globale, stile 2004

Intervista ad un protagonista dell’accordo confederale sul telelavoro 2004, Roberto Di Francesco Dunque, a Roma la Castellano (Cgil), Pizzi (Cisl) e Di Francesco (Uil) per conto dei rispettivi segretari confederali Rocchi, Furlan e Pirani, stesero e firmarono l’accordo confederale nazionale del 2004 sul telelavoro. All’epoca i segretari generali della triplice erano Epifani, Pezzotta ed Angeletti; […]

Leggi tutto

Sottofondo musicale dello smart worker

Lo smart worker, tra caffè e pigiama, non può fare a meno di una colonna sonora che lo sostenga nella giornata lavorativa coprendo i rumori molesti e completando il perfetto paradisiaco mondo virtuale dello schermo, dove affonda tutto, occhi, orecchie e bocca in un narcotico pulito stupefacente orizzonte. Scartati Tv e radio di acustica pessima […]

Leggi tutto

Il virus ci ha donato profondissima quiete

Sempre caro mi fu lo screen luminoso ed il wifi che da tanta parte nell’hating social la verace identità esclude   Ma sedendo senza mascherina, mirando interminate strade senza auto eppure inquinate E vetrine chiuse di là da quelle   E sovrumani cilalecchi tv sulla quiete virale io nel pensieri vedo attori finte vittime di […]

Leggi tutto