MilanoPost Lotta donne afghane per la civiltà

L’eroica e dimenticata lotta per la CIVILTA’ delle donne afghane (video)

Esteri

Represse e umiliate le donne afghane continuano a lottare contro il fondamentalismo

La guerra è sempre scenario di orrori, anche durante il conflitto nella ex Jugoslavia mi è stato raccontato lo scempio da chi l’ha vissuto di persona, al fronte, con una divisa addosso. Forse qualcuno l’ha dimenticata, o non l’ha considerata tanto atroce quanto quella culturale, religiosa e di costume che, quotidianamente, vivono diverse comunità di donne represse, soggiogate e svilite nella loro dignità tra quelle che oggi tentano di combatterla o evitarla, fuggendo quando raramente è possibile.

Tuttavia, una differenza fondamentale (anzi, fondamentalista) separa tra loro queste guerre, portando all’evidenza quella che emerge dalle immagini e filmati come questo, di appena due anni fa ma purtroppo ancora attuale, dove le donne vengono martoriate da un branco di belve travestite da esseri umani perché osano battersi per i diritti delle donne afghane.

Questa quindi non è una guerra comune, è più subdola e vigliacca di tutte le altre in quanto si sviluppa partendo dall’interno dei paesi che la concepiscono, nei suoi lati più assurdi e brutali; una guerra bastarda, perché unilaterale e imposta dall’alto di una barbarie mentale che spinge gli esecutori ad accanirsi anche contro mogli, sorelle, figlie che osino non accondiscendere alle truci tendenze dei loro famigliari aguzzini. È una guerra abominevole, bastarda dentro. Perché  è una guerra contro la CIVILTA’.

Perché queste testimonianze non vengono mai diffuse, o lo sono raramente, ma non integralmente su reti nazionali? Perché i nostrani vari movimenti  femministi  restano muti di fronte a tali orrori che, se non resteremo sufficientemente vigili, finiranno prima o poi per espandersi, contaminando porzioni dell’occidente dove incautamente viene concesso asilo dietro nobili impulsi umanitari, salvo poi dover constatare quanto sia negativa e difficile da arginare la permeazione di simili regimi, in contesti che non hanno saputo valutarne per tempo il rischio?

 

Luciano Oggiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.