Flop degli incentivi comunali sulle auto

Fabrizio c'è Milano
Sono una trentina le persone che hanno fatto domanda di utilizzare gli incentivi economici del Comune per cambiare l’auto o sostituirla con mezzi più sostenibili.
Un vero flop se pensiamo che secondo Granelli questa è la soluzione al diritto alla mobilità delle decine di migliaia  di persone che sono state appiedate da Area B.
Il flop dimostra che gli incentivi sono insufficienti per chi deve tirar fuori 25/30 mila euro per cambiare auto. Sopratutto si comprende che la strada del rinnovo del parco auto ha tempi inevitabilmente piu lunghi e costosi dell’agire su altre cause di inquinamento. Mentre un’azione più incisiva sulle caldaie e sul teleriscaldamento produrrebbe più risultati e in tempi più brevi. Ma loro sono ambientalisti a senso unico, ce l’hanno solo con la mobilità privata.

3 thoughts on “Flop degli incentivi comunali sulle auto

  1. Tutto s’inquadra nel quadro generale di quest’Italia che ormai ha perso tutti i pilastri della società civile, dalla meritocrazia e dal senso del dovere e della professionalità, giù giù fino alla persa dignità dei comportamenti più semplici e banali, ecc.ecc.
    Come poter essere ottimisti?

  2. L’ho detto ieri e lo ribadisco oggi:
    questa giunta non ha a cuore il benessere dei cittadini, per inquinare di meno occorre mettere a posto tutti gli edifici di proprietà comunale per i quali non ha soldi da spendere.
    L’incentivo per comprare le auto nuove viene inficiato dal fatto che si continua a restringere le carreggiate a favore dei larghi marciapiedi e zone pedonali. Perché dovrei comprare un’auto nuova?

  3. Eh, e quindi che si fa?
    Continuiamo a raccontarci cose che già sappiamo a memoria e a piangerci sopra o c’è qualche iniziativa che si può intraprendere?
    Siamo buoni tutti a brontolare, quanto invece a organizzare qualcosa di concreto e magari efficace, come siamo messi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.