Il pragmatismo solidale di Alessandro Prisco, candidato nel coordinamento di Piattaforma Milano

Categoria Mancante

E’ il rapporto quotidiano con le persone, con le loro insicurezze, le loro difficoltà, che spinge alla solidarietà. Ad una società con i suoi spazi, le sue dimensioni, dove i ruoli siano distribuiti in modo equo e produttivo. Alessandro Prisco, Presidente dell’associazione commercianti Asco Duomo, ha osservato le grandi disuguaglianze presenti in una città che sembra avvitarsi su se stessa e non trovare il respiro della soluzione. Ma la visione di una Milano futura, con l’apporto delle competenze e l’esperienza dei tanti “civili” che amano mettersi in gioco, può cambiare e far emergere sensibilità per tanti soggetti oggi dimenticati? Nella città che ha battezzato tutte le novità  più rilevanti della politica italiana il laboratorio che è nato si chiama «Piattaforma Milano» ed è il nuovo coordinamento delle forze liberali e popolari unite da un “rinnovato impegno per il futuro di Milano”. Spiega Stefano Parisi “Piattaforma Milano, vuole essere un modello nuovo, diverso, che parte dal basso e che si propone di mettere insieme non dirigenti e sigle di partito ma associazioni, comunità, persone. Un coordinamento di popolo, di cittadini impegnati nella politica, nelle associazioni, nelle professioni, nel sociale che lavorano insieme sui contenuti e sui temi che interessano la Città.”    E sono aperte le votazioni (clicca qui per le modalità),  praticamente le primarie del centrodestra dove sono rappresentate le 5 anime dei moderati. Alessandro è candidato nella lista di “Futuro Milano”. La Milano del mondo produttivo e commerciale, ma anche dei clochard e dei senza lavoro,  ha in Alessandro Prisco  un alleato. Nella sua visione futura c’è una Milano sicura, con regole rispettate, la valorizzazione dei negozi storici: una società che rivaluta i valori di sempre. “Il futuro è molto aperto, e dipende da noi, da noi tutti. Dipende da ciò che voi e io e molti altri uomini fanno e faranno, oggi, domani e dopodomani. E quello che noi facciamo e faremo dipende a sua volta dal nostro pensiero e dai nostri desideri, dalle nostre speranze e dai nostri timori. Dipende da come vediamo il mondo e da come valutiamo le possibilità del futuro che sono aperte.”(Karl Popper)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.