Carmelo Ferraro candidato portavoce nella lista “Futuro Milano” per dare voce alla gente e con la gente cambiare la città

Categoria Mancante

Carmelo Ferraro un uomo che sa dire “grazie”, per la propensione naturale all’impegno che diventa partecipazione e condivisione. E la visione innovativa di proiettare nel futuro, convinzioni e progetti, con la chiarezza del saper fare e l’esperienza degli incontri e della rielaborazione per trovare soluzioni adeguate. Ha detto “Un amico mi ha ricordato una frase di Mark Twain: “Tra 20 anni non sarai deluso per le cose che avrai fatto, ma per quelle che non avrai fatto”.

Da qui, forse, quel sorriso alla vita, alle persone meno fortunate. Un mettersi in gioco solidale che realizza l’invito di Mariastella Gelmini “La politica oggi ha il compito di aprirsi alla società civile”, Piattaforma Milano”  è un contenitore che nasce per dare una rappresentanza politica coesa, libera e innovativa ai cittadini e alle imprese che sono per la crescita e lo sviluppo, per il lavoro, per le riforme, per il contrasto all’impoverimento delle famiglie, per politiche non stataliste ma di valorizzazione della libera iniziativa che promuova investimenti e benessere. All’interno coesistono cinque liste che si candidano, rappresentano, più o meno, le varie anime del coordinamento e ognuna  ha un suo candidato portavoce. Per la lista “Futuro Milano: società, innovazione, solidarietà”, il candidato portavoce è Carmelo Ferraro (già candidato alla Camera dei Deputati, che rappresenta l’area di Forza Italia), Scrisse “Per fare politica ci vuole consenso, che vuol dire legame con il territorio, con la gente. Per fare politica ci vogliono i contenuti, le competenze, l’esperienza”

E la dedizione, l’intima convinzione, la sensibilità all’equilibrio e alla giustizia sociale. “Basta una scintilla per riaccendere il fuoco della partecipazione, dell’entusiasmo, della volontà di mettersi in gioco insieme; questa è la politica fatta dal basso, dalla gente alla gente. Valorizzazione della competizione per fare nascere contenuti e programmi.In un rinnovato ambito popolare e liberale, i moderati saranno determinati.”

Le votazioni sono aperte e per la prima volta si va al voto per le primarie nel mondo del centrodestra, perché saranno i cittadini, che abbiano compiuto 16 anni, a eleggere i propri rappresentanti, impegnati volontariamente.

Per le modalità clicca qui

Breve curriculum

Nato nel 1965, si è laureato in Giurisprudenza. All’inizio degli anni Duemila ha iniziato a lavorare all’Ordine degli Avvocati di Milano come Direttore Generale e ha partecipato anche a diversi progetti a favore delle donne vittime di violenza e contribuito alla formazione degli avvocati in merito a questa tematica. Negli ultimi anni ha costruito in modo responsabile quello che molti hanno definito un ponte tra i cittadini e le istituzioni, uno spazio dove ognuno possa essere protagonista della propria vita e non spettatore. Lo spirito di questo approccio insieme a una lunga esperienza nel contesto sociale, hanno contribuito a far nascere insieme ad alcuni amici un comitato civico indipendente, il Comitato MI’mpegno, che ha come missione il coinvolgimento, il dialogo, il mettersi insieme responsabilmente per affrontare ogni aspetto della realtà, sociale, culturale e politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.