La sinistra ha fatto bingo: aumenta pure la tassa sulla pubblicità

Fabrizio c'è Milano
C’era una sola tassa comunale che non era stata aumentata durante 8 anni  di sinistra a Milano: la imposta Comunale sulla Pubblicità. È arrivato anche il suo turno.
Complice il Governo Lega/5Stelle che ha tolto il blocco a modificare le tasse comunali, il Sindaco Sala ha subito deciso di aumentarla addirittura del 50%!
La ICP si aggiunge al lungo elenco di salassi  fiscali che si sono verificati con l’arrivo di Pisapia prima e Sala poi. Con l’avvento di Pisapia erano stati portati ai massimi l’aliquota IMU (1,06), era stata introdotta e portata all’aliquota massima (0,8) l’addizionale comunale Irpef, era stata alzata di un buon 20% la  TARI  tassa rifiuti)  e aumentato  di un 35% medio il cosap, canone occupazione suolo pubblico. Con Sala é stato il turno delle tariffe di impianti sportivi e cimiteriali, dei servizi educativi, della sosta, mentre il biglietto del Tram che era stato aumentato da Pisapia da 1 a 1.50 sarà  presto ritoccato a 2 euro pure da Sala.
L’aumento della ICP riguarderà  gli impianti pubblicitari (poster, maximpianti, pubblicità temporanee) ma non le insegne commerciali. Sarà  una legnata , + 50 % e metterà a dura prova imprese e concessionarie pubblicitarie.
Si tratta di una scelta miope perché l’effetto non sarà di generare maggior gettito alle casse comunali ma di far scappare verso altre forme di pubblicità gli investitori.

1 thought on “La sinistra ha fatto bingo: aumenta pure la tassa sulla pubblicità

  1. Una tassa più che giusta. Peccato che non ci siano controlli adeguati per tutta quella pubblicità ingannevole e per quella bugiarda, alle quali sarebbe ora di fare pagare multe salatissime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.