Quante bufale hai lanciato Renzi! Ma la libertà è sacra anche in rete

Fabrizio c'è Politica
Milano 29 Novembre – La pretesa di censurare le notizie attraverso un “filtro politico” è un marchio di fabbrica comunista.
Normale che i nipotini del vecchio PCI oggi PD ci provino, con parole nuove ma rispolverando la solita arroganza intellettuale: quelle che non piacciono a loro sono notizie false! Quindi vanno tolte dalla rete.
Da mesi Boldlrini ora anche Renzi sono convinti che a causa di cosiddette “fake news ” gli italiani dissentano da alcuni loro cavalli di battaglia: accoglienza per tutti e Ius soli ad esempio.
Non ammettono che uno con la propria testa si faccia una idea e valuti tutto ciò che circola in rete: si chiama libertà di pensiero.
Vorrebbero istituire chissà quuali meccanismi di controllo per verificare prima la fondatezza delle notizie e la correttezza politica delle opinioni.
Giusto per far capire da quale pulpito viene questa assurda richiesta di limitare la libertà di opinione vi ripubblichiamo una delle tante “fake news” o bufale della propaganda renziana.
Lo scorso anno di questi tempi tutto l’apparato informativo italiano era impegnato a far votare SI agli italiani. Rai occupata, commenti a senso unico sui giornali, milioni spesi in propaganda su facebook. Eppure gli italiani hanno capito quali bufale fossero messaggi come questo.
Stai sereno Renzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.