Harry e Meghan simbolo di un’epoca dove ai diritti non corrispondono doveri

Buon 2020 Ladies and Gentlemen! Visto che l’anno inizia…col botto (o con i botti?!?) mi sembra giusto dedicare la prima riflessione a quelleo che succede in …UK. Da cultore di storia e amante di UK (che molti chiamano…Inghilterra) vengo a conoscenza di questa succosa notizia. La coppia (di bronzo) Harry e Meghan ha deciso di […]

Leggi tutto

Il clochard vorrebbe regalare a Sala i suoi calzini per rivendicare i suoi diritti, ma sono mangiati dai topi

Il marketing di Sala di dubbio gusto, ha comunque fatto scrivere montagne di parole, ha interessato per quell’esposizione voluta dei calzini arcobaleno che più colorati e trash non si può, i media di tutta Italia. Scopo raggiunto, ma si potrebbe dire anche che molti non hanno apprezzato la indecorosa messa in scena per ribadire che […]

Leggi tutto

Scene da una città tutta piena di “diritti” coccolati dall’immaginario di Sala

Scena 1. Stazione metropolitana di Milano, Porta Venezia. La Nike vuole investire 100 mila euro di pubblicità in manifesti. Ma un bel mattino il sindaco Beppe Sala si sveglia e chiede alla Nike di “ripensarci”. Sapete, sono quelle “moral suasion” che anche i muri capiscono. E così è andata. Tu adesso, sindaco di Milano, stai […]

Leggi tutto

Quel tempo era ubriaco di idee, di musica, di colori, di sogni. Era il ’68

Era il ’68. Un periodo che ha rappresentato con sfumature diverse, con esperienze personali, con curiosità culturali dei singoli, una volontà collettiva di libertà. Esaltante, a volte rabbiosa, sempre convinta, nel desiderio di rompere gli schemi, di prefigurare una società nuova, senza l’ipocrisia della convenienza. Ed era una ubriacatura sana che veniva da lontano, da […]

Leggi tutto

Marocchino fa causa all’impresa: ho diritto a ricevere i contributi anche se non servo più

Non bastava lo Stato Sociale, una pressione fiscale sulle imprese che arriva al 65% sugli imprenditori ed un sistema da polizia segreta per tenere tutto questo assieme. no. Affatto. Ci voleva anche l’idea che l’impresa DEVE, e sottolineo DEVE, portarti fino alla pensione. Accompagnandoti. Anche se non ci lavori più, anche se il tuo posto […]

Leggi tutto

Il cognome dei nuovi imprenditori è Hu. Ma non chiamatela sostituzione etnica

Sei anni fa ho aperto la mia Partita Iva. Nel corso di questo tempo ho aperto tre società e ne amministro altre due. Sono un imprenditore seriale. La mia non è una professione, è una malattia. Per questo non ho nulla contro nessuno che rischi i propri soldi in questo paese. Perché ne conosco le […]

Leggi tutto

Lettera semiseria ad un giovane disoccupato “Perché non diventi migrante? Così, per avere i loro privilegi”

Milano 23 Febbraio – Caro ragazzo disoccupato, che abiti presumibilmente in periferia, che mangi pane e mortadella, dopo la morte di tua madre che, comunque, una piccola pensione ce l’aveva, devi pensare al futuro. Non bastano i piccoli lavoretti di facchinaggio o di pulizie nei bar, alla sera. E sogni un cinema con quella biondina […]

Leggi tutto

Periferie: Sala e il suo Muro di esclusione, per includere i migranti

Milano 20 Maggio – Periferia termine usato ed abusato per indicare un luogo dove il degrado urbano e sociale sembra sia un male irreversibile e scontato. Un luogo abbandonato dove la copresenza di varie etnie, la mancanza di attenzione e di manutenzione, l’assenza di controlli, sono degenerati in criminalità e illegalità diffusa, nonostante le segnalazioni […]

Leggi tutto

Un trauma cranico la risposta di chi fa valere il diritto agli schiamazzi

Milano 14 Maggio – In sé è un piccolo fatto di cronaca. Uno di quegli episodi frequenti in città e annotati in tre righe dalle pagine specializzate, ma fortemente indicativo di un malcostume che attraversa la società d’oggi, dove educazione e buon senso purtroppo si sposano con la consapevolezza dell’impunità. Il fatto: “Un uomo di […]

Leggi tutto

Nordio: ecco quando si deve imbavagliare le intercettazioni

Milano 20 Aprile – C’è chi dice “no” alla gogna mediatica delle intercettazioni pubblicate sui giornali. E’ una toga: Carlo Nordio, procuratore aggiunto di Venezia, che in un’intervista al quotidiano Libero definisce oggi “una porcheria indegna di un paese civile” la prassi con cui in Italia gli stralci di colloqui privati, irrilevanti sul piano penale, vengono diffusi sui media, […]

Leggi tutto