I nuovi reclusi di Milano: gli automobilisti del centro storico

Fabrizio c'è Milano
Una nuova categoria di automobilisti è finita sotto l’occhio vigile ed elettronico di Beppe Sala: sono i residenti nel centro storico che per motivi di reddito o di prospettive di vita si ostinano a non spendere 30.000 euro e munirsi di auto adeguata all’epoca. Per costoro la prospettiva è essere reclusi nel centro storico senza poter tirare fuori l’auto dal garage o dal parcheggio.
Ecco perché. I varchi che monitorano i passaggi all’interno di Area C lungo la cerchia delle mura spagnole, sono programmati pure per verificare se l’auto rispetta i divieti di Area B. Quindi se uno passa sotto le telecamere di area C con un Diesel Euro 3 o Benzina euro 1 scatta la multa per circolazione non autorizzata a Milano come imposto da Area B. Tutto ciò a prescindere che si sia pagato o meno il Ticket:  a nulla servono i 5 euro (2 per i residenti) che, peraltro, il Comune, una volta incassati, non restituisce a chi non poteva entrare.
La situazione dei residenti di zona 1 che per qualche motivo devono usare l’auto sembra quella temuta da George Orwell: ogni loro movimento è scrutato dalle telecamere di Beppe Sala e oltre a pagare 2 euro per rientrare a casa  potranno beccarsi una multa da 80 euro se hanno la macchina un po’ vecchia. È  vero che c’è un bonus di passaggi ma 25 in un anno finiscono presto se basta uscire da casa per consumarlo.
Da ottobre ’22 poi questa tagliola colpirà anche i Diesel Euro 4 e 5 e le benzina Euro 2. Per questo motivo, anche il Municipio 1, pure a guida di sinistra, ha chiesto la deroga a questo divieto crudele per molti anziani e per molti cittadini che non possono permettersi di spendere 30.000 per un auto elettrica.  Niente da fare ha risposto la Giunta, questo è il progresso e il futuro sostenibile. Peccato che l’inquinamento di Milano registri gli stessi dati e le stesse oscillazioni giornaliere di ogni Comune della Provincia dove non esiste né Area C né area B. Queste immotivati divieti hanno il solo scopo di fare cassa. Però sono delle tasse al contrario perché colpiscono i più deboli e i più fragili: non colpiscono chi ha auto di grossa cilindrata o Suv, ma chi per motivi di età non può usare il monopattino o chi non ha i soldi necessari a cambiare l’auto.

3 thoughts on “I nuovi reclusi di Milano: gli automobilisti del centro storico

  1. Purtroppo il Sindaco con-la-puzzetta-sotto-al-naso ama fare il ducetto. A destra lo sapevamo da tempo, ma adesso se ne accorgono anche a sinistra. Fatto salvo lo sparuto gruppetto di aficionados che circonda Sala e lo incensa come una cripta cristiana, e tolti coloro che lo leccano come un gelato pur di avere qualche favore, qualche pass, qualche introduzione nei giri che contano, fatti salvi questi signori, i Milanesi tutti ne hanno abbastanza del nasone che rompe le balle ai milanesi e poi i weekend se ne va via da Milano nelle sue magioni in Engadina o sul golfo di Portofino.
    Che l’ipocrisia imperi in questi personaggi, è palese per chi conosce le cose, ma aimé i più non sanno bene ciò che è fasullo (come l’essere green di una auto elettrica) e ciò che é reale.
    Il topo Sala gira in una Smart elettrica verde e nera (lo dico per chi la trovasse posteggiata nei pressi di via Goito) che ipocritamente è “ecologica” mentre nella realtà le sue batterie elettriche una volta esaurite sono ingestibili e nessun Paese le vuole; tanto che. Anno tutte a finire o in Cina o in India (dove senza molti scrupoli le sotterrano da qualche parte senza farsi domande). L’auto elettrica che sta spingendo Sala è una porcheria ben peggio di un Euro 6. Ma il teatrino di sinistra si sa, basta che la farsa sia credibile….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.