La dietrologia di Majorino è offensiva e insensata

Milano

Il Centrodestra, ormai è noto, ha scelto Luca Bernardo e naturalmente esprime la sua soddisfazione per l’alto profilo del candidato. La sinistra ancora non commenta, aspettando forse le prime dichiarazioni, ma Majorino ha dato, per così dire, un’occhiata ed emesso un giudizio, soprattutto sulle intenzioni e questa si chiama dietrologia piccata.

“Al momento sembra più una foglia di fico che copre Fontana e Salvini.”

 Ma Fontana e Salvini perché devono essere coperti? Per cercare di capire meglio: dicesi foglia di fico “l’intenzione di celare, alla bell’e meglio, un’azione disonesta, fingendo di fare una cosa, ma facendone in realtà un’altra molto diversa da quella che si vuol far credere di stare facendo”. E occorre avere l’astio e il pensiero contorto di Majorino per dedurre un giudizio così inconsistente ma tranchant. Questo applicare alle intenzioni degli altri i propri modi di giudicare, è offensivo e insensato. Ma la sinistra bacchetta anche le intenzioni, vedasi il capolavoro del Ddl Zan. Poi quella che vorrebbe essere ironia, ma è sempre un interrogativo squallido “Non è che il candidato vero è Vittorio Feltri, quello che per sua stessa ammissione “non ha voglia di amministrare”?

Feltri sarà capolista di FdI e da qui l’insinuazione, quasi che nelle sue prerogative ci fosse solo quella dell’amministratore. Majorino stia sereno, la squadra verrà composta verificando esperienze e competenze, non attingendo ai carrieristi di partito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.