Anche questa è Milano: piazza Mercanti pulita da camerieri, vendita del chiosco, rissa sul tram, bici rubate

Milano

Anche questa è Milano: incontrollata, attraversata da una violenza spudorata, immersa nel degrado. Limitiamoci agli avvenimenti degli ultimi giorni, per renderci conto di fenomeni ormai abituali e che il loro contrasto non rientra nel programma “più green” di Sala.

Il moltiplicarsi delle bici ha prodotto una vera guerra tra chi usufruisce del mezzo e chi lo ruba spesso senza difficoltà “I ladri, scrive Il Giorno,  sono scatenati: nella prima parte dell’anno, da gennaio a metà giugno, le denunce per furto raccolte dalla polizia locale, Squadra contrasto biciclette rubate, ammontano a 51. Una ogni tre giorni. Lo stesso numero di tutto il 2020. E se è vero che lo scorso anno, in piena pandemia, gli spostamenti erano limitati, la cifra è comunque significativa anche confrontandola con il 2019, quando i furti denunciati erano stati 72 nell’arco dei 12 mesi. E si parla solo di quelli “formalizzati”. Ovviamente felice Granelli per un aumento di bici esponenziale

La Loggia dei Mercanti con risse continue a suon di pugni e di bottigliate è oggetto di cronaca tutti i giorni e il degrado del luogo centralissimo non sposta le intenzioni di abbandono del Sindaco, quasi a dire “Non è il mio mestiere”  “Abbiamo paura, io e la mia famiglia, di riaprire. Qui il rischio è troppo alto”, ha raccontato a Libero il proprietario di un chiosco nella centralissima Piazza Mercanti. Prima i bivacchi, poi le risse di ragazzi giovani e il degrado che da anni non viene contrastato. “È diventato un luogo non più frequentabile.  Era zona bellissima. Ora dobbiamo solo andarcene”,

Coinvolti anche un team di dipendenti dei ristoranti del centro e una squadra di addetti Amsa, l’azienda di proprietà di A2A che si occupa della raccolta rifiuti, che hanno ripulito piazza Duomo e piazza dei Mercanti, ieri, sull’orlo della esasperazione.

 E la paura per chi deve usare i mezzi pubblici continua. E’ scoppiata una violentissima rissa sul tram 3, nella notte tra sabato 19 giugno e domenica 20. Come mostrano le immagini pubblicate dalla pagina Facebook “Tranvieri di Milano” si tratta di una scena che non promette normalità

La malamovida è diventata una costante a cui Sala, molto intento a sommare le liste dei sostenitori, non sa come porre rimedio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.