Ancora polemiche PD Regione. Bertolaso chiede scusa per i disservizi di Aria

Lombardia

In un post su facebook il Coordinatore del piano vaccini straordinario per la Lombardia, Guido Bertolaso, ha chiesto scusa agli anziani in coda all’ingresso dell’ospedale Niguarda di Milano in attesa di ricevere la dose del vaccino. “La coda degli anziani fuori dal centro vaccinale di Niguarda per gli errori di Aria che manda 900 convocazioni al posto delle 600 previste è una vergogna! Ho mandato la Protezione Civile ad assisterli, mi scuso con tutti loro!”, recita il post del consulente di Palazzo Lombardia, che ha ricevuto oltre mille like in un’ora. Bertolaso punta il dito contro Aria, l’azienda regionale per l’Innovazione e gli acquisti che gestisce la piattaforma di prenotazione dei vaccini. “Novecento anziani in coda al freddo, Bertolaso fa bene a usare la parola vergogna. Sì, è proprio una vergogna, e non basta scaricare le colpe su Aria Spa. La società regionale si era già distinta per il disastro dei vaccini antinfluenzali, per le mascherine pannolino rifiutate dai sanitari e per lo scandalo dei camici acquistati dal cognato del governatore: chi ha deciso di affidarle la gestione informatica dei vaccini anti Covid, se non Bertolaso, Moratti e Fontana? Quanto all’assessore Caparini, padre di Aria Spa e suo strenuo difensore, dopo l’ennesimo disastro dovrebbe trarne le conseguenze”. Lo dichiara il capo delegazione del Pd in commissione bilancio in Regione Lombardia Pietro Bussolati. “Non mi diverto a leggere di certi disservizi: ci sono stati errori e sono stato il primo ad innervosirmi. Stiamo cercando di dare una risposta modificando il sistema e riparando alle manchevolezze”. Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, in diretta a The True Show, il programma di Barbara Ciabò e Fabio Massa in onda su Telelombardia. Che ci siano stati dei problemi, ha aggiunto il governatore, “non l’abbiamo nascosto. Ho già detto che sulla parte informatica sono stati fatti degli errori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.