Il Comune vuol far fallire i suoi inquilini commerciali

Fabrizio c'è Milano
Che l’affitto sia, in una città cara come Milano, il primo costo fisso di negozi, bar e ristoranti lo sanno tutti. Ma che il Comune, proprietario di tanti locali in affitto, dalla Galleria ai mezzanini del metrò, a tante vetrine nei quartieri popolari non voglia intervenire in aiuto ai suoi inquilini è pura ottusità. Il problema riguarda pure le proprietà private, ma li c’è stata più flessibilità e molti accordi transattivi.
Nei giorni scorsi è stato pubblicato il bando per aiutare le associazioni a pagare i canoni demaniali al Comune. Sono 700.000 euro prelevati dal fondo di mutuo soccorso, dove confluiscono le donazioni private che saranno usate per ristorare le casse comunali. Non è lo scopo per cui si erano raccolti i fondi ma è già qualcosa per pagare 2 rate mensili.
Nulla però è stato fatto per aiutare il settore dei negozi e degli esercizi pubblici che sono inquilini del Comune.  Quindi pagare 5 mesi o più di affitto mentre si è senza entrate, perché chiusi, rischia di  far fallire migliaia di attività e di far saltare decine di migliaia di posti di lavoro.
Il Comune, che incassa 50/55 milioni l’anno da questi affitti e concessioni,  a differenza di proprietà private (ad es Generali) non si è posto nella logica di salvare queste attività, rinunciando per causa di forza maggiore a una parte degli affitti dovuti.
Ad oggi ci sono state solo dilazioni di pagamento che purtroppo non sono in grado di salvare i bilanci di negozi ed esercizi commerciali milanesi.
Forza Italia chiede, con il prossimo assestamento di bilancio, di annullare un trimestre di affitti a tutti gli inquilini commerciali del Comune. Impegnerebbe una cifra, 12 milioni di euro, che rappresenta meno dello 0,5 % del bilancio comunale ma potrebbe dare sollievo a tante imprese ed evitare la desertificazione commerciale della Galleria, dei mezzanini del metrò,  di tante strade e piazze di periferia.

1 thought on “Il Comune vuol far fallire i suoi inquilini commerciali

  1. ….da mesi, nell’ambito privato, molti canoni d’affitto sono stati ” rinegoziati ” per evidente sensibile lungimiranza di quella proprietá che ” dietro al portafogli un cuore ancora c’é “…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.