Sì va bene, tutti con le mascherine, ma non gli immigrati che sono liberi di incendiare e aggredire

Politica

E’ il valzer delle mascherine che sono ritornate in massa e impongono la loro legge condivisa da molti perché è è prudente, perché i luminari del virus confermano che il momento è grave, perché la comunità Italia deve dare prova di responsabilità e di buon senso. Detto questo come tutti sanno i contagiati presentano un picco preoccupante, ma dare una parte di responsabilità ai migranti, non si può, non è politicamente corretto. E si possono, dopo un anno, cancellare decreti firmati e controfirmati dagli stessi che oggi li considerano  inopportuni, al grido “Saniamo questa vergogna: No alla emarginazione, no al razzismo”.

I porti più che aperti sono invitanti, accoglienti, sempre disponibili. Ma il bon ton non attiene al comportamento degli ospiti spesso clandestini  che danno fuoco a centri d’accoglienza, fuggono e non possono essere controllati, aggrediscono i poliziotti e poi, liberi in giro per l’Italia, si aggregano alle bande del malaffare. E minacciano la morte per uno smartphone, sanno mentire in modo pietistico, fanno valere la legge della violenza.

Ma perché questa folle corsa a cancellare i decreti Salvini che, comunque, potevano essere un deterrente per le varie ONG figlie di un traffico di scafisti che ben poco ha a che fare con la fuga per motivi umanitari. Oggi sappiamo che le leggi in mano alla sinistra se sgradite diventano carta straccia, perché i “rossi”non conoscono l’obiettivitàe si uniformano ad un pensiero unico di carità pelosa che non conosce il buon senso. I giornali di sinistra non sprecano un rigo per far vedere l’inferno in alcuni porti, non ammettono che anche i migranti possono essere portatori di virus, che, abbandonati come invisibili, vivacchiano in barba alle leggi italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.