Sala critica lo smartworking ma gli uffici comunali sono chiusi. Cittadini e imprese aspettano

Fabrizio c'è Milano
Ho sollevato più volte il problema del pessimo smartworking che il Comune impone ai suoi dipendenti. Palazzo Marino non fornisce PC o smartphone e il server del Comune non garantisce sicurezza e circolazione dei documenti. Quindi il lavoro agile dei Comunali diventa difficile e si traduce in problemi per chi aspetta risposte. Uffici chiusi, pratiche ferme, telefoni che squillanti a vuoto… un bel freno a Milano che deve ripartire.
Sala come al solito dice una cosa e ne fa un altra. Aveva fatto scalpore la sua battuta sulla necessità di tornare a lavorare in ufficio (“temo l’effetto grotta”), ma poi di fronte alle proteste della sinistra ha fatto una indecorosa marcia indietro.
Non si è presentato in Consiglio comunale mentre il PD bocciava la richiesta di Forza Italia di ritornare al lavoro in ufficio. Poi ha criticato il Governo e il Ministro Dadone perché vogliono obbligare i dipendenti pubblici a svolgere per il 50% il lavoro da casa.
Alla prova dei fatti però Sala sta facendo peggio della Dadone perché a Milano lavora in ufficio solo il 30% dei comunali: polizia Locale, educatrici,  servizi civici e poco altro per un totale di 4000 dipendenti su 15000 , meno del 30%.
Insomma come sempre parole, annunci. Mentre i cittadini che sono in attesa di risposte da mesi aspettano…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.