Edilizia ferma da 3 mesi perché il Comune ha tempi ottocenteschi

Milano

Sono passati quasi 3 mesi, era il 14 Ottobre 2019,  dall’approvazione del  nuovo Piano di Governo del Territorio di Milano. Il Documento non è ancora stato pubblicato nella sua versione definitiva che racchiude le osservazioni e gli emendamenti accolti e approvati.

Quindi non vi è certezza per tutti gli operatori su quali siano le regole vigenti, i diritti, le destinazioni, le volumetrie. Unica certezza è che, in questi casi, si applica la clausola di salvaguardia, cioè in caso di contestazioni vale l’interpretazione più favorevole al Comune. Non sorprende quindi che da Ottobre nessun operatore presenti domande di concessione, né abbia presentato programmi di intervento. Ferme anche le decisioni su opere di urbanizzazione.

L’aspetto paradossale è che la Giunta a suo tempo aveva  preteso e ottenuto dal Consiglio Comunale e dai Municipi che il PGT, il massimo documento pianificatorio della città fosse discusso e approvato  in un mese. Ora invece  ci vorranno 3 mesi, e forse più, agli uffici per integrare il PGT con le modifiche e i pareri.

Così l’attrattività di Milano e il buon momento dell’edilizia vengono  frenati e ostacolati dalla Giunta.

L’amministrazione di Sala si muove  con  tempi ottocenteschi ed è abituata a considerare i privati cittadini come dei sudditi.

È mai possibile che la famosa  smart city di cui parla Sala per correggere testi e tavole  e verificare la legittimità delle norme ci metta 3 mesi e forse più?

Sala è tanto svelto a impossessarsi delle realizzazioni di operatori privati e architetti per prendersi meriti non suoi quanto lento a svolgere compiti che sono di pertinenza comunale.

Non resta che chiedere lumi  giovedì in Consiglio nell’interesse di decine di migliaia di addetti, architetti e imprese tenuti fermi dalle lentezze di Sala e Maran.

1 thought on “Edilizia ferma da 3 mesi perché il Comune ha tempi ottocenteschi

  1. Avanti tutta, Fabrizio, anche se l’apparato comunale se ne fotte di opposizione di questo tipo. Loro da piccoli li hanno abituati ad altre opposizioni, tipo bottiglie molotof e roba simile, con cui tenevano in scacco mezza Italia. L’opposizione fatta all’inglese, fa solo loro sorridere. Nonostante ciò, bravi a provarci. GRAZIE!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.