Bottigliate tra immigrati in Stazione Centrale, mentre il Comune tace

Cronaca

La Stazione Centrale serve anche per sistemare questioni in sospeso tra immigrati, con armi improvvisate, ma con la violenza che conosciamo bene. Criminalità che si aggiunge a criminalità in un teatro che presenta ogni giorno sangue e risse. Ieri due balordi immigrati si sono presi a bottigliate, uno spettacolo che la dice lunga sui comportamenti degli arrivati. Il nigeriano è stato arrestato. Meraviglia come la folla variopinta che staziona in zona, non abbia un rigurgito di autocritica, di rispetto per i luoghi e soprattutto l’indifferenza per le regole più elementari.  “Mi auguro che presto venga rispedito nel suo Paese. I crimini nella zona della stazione Centrale procedono a ciclo continuo: h24 e 365 giorni all’anno su 365”, denuncia SIlviaSardone della Lega eurodeputata a Il Giornale,  facendo notare ancora una volta l’immobilismo del Comune. E aggiunge poi che “è necessaria una vera e propria bonifica, altro che aiuole, alberelli e parchi giochi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.