Vive in condizioni estreme con più di 60 gatti, la sua unica famiglia

Cronaca

E’ sola,  abbandonata da tutti, ma la sua solitudine lei, a quasi 60 anni, ha finito per esorcizzarla adottando come compagni di vita una moltitudine di gatti, con cui divide la sua abitazione in via della Betulle a Rozzano, nell’hinterland milanese.

Come racconta il Giorno, i felini, diventati nel tempo più o meno 60, una vera colonia, sono ormai la sua famiglia dato che da anni non frequenta nessun altro. Pare che le condizioni igieniche però siano da incubo e che ogni angolo della casa sia colmo di escrementi e rifiuti abbandonati qua e là, il che è dannoso sia per le bestiole che, soprattutto, per lei, tanto che ha dovuto essere più volte  ricoverata in ospedale per malori.

Nei giorni scorsi i volontari dell’associazione CrazyCats si sono presentati alla porta della signora con gli agenti, ma lei era stata ricoverata. I volontari allora hanno preso con loro alcuni gatti  trovati nel degrado più totale e hanno dovuto prendere atto delle condizioni allucinanti dell’appartamento: escrementi, pulci, materassi rotti, rifiuti su tutto il pavimento. In passato i volontari avevano già salvato una trentina di gatti, insieme a Enpa, Mondo Gatto e Tom & Jerry, sottolineando che la gattara è completamente sola, nonostante le assistenti sociali abbiano cercato di entrare in contatto con lei, ma senza risultati. Forse solo un medico la potrebbe aiutare, pare infatti che soffra di turbe mentali.

Nonostante il Comune sia riuscito alcuni mesi fa a sanificare i locali, questo intervento per essere  efficace, dovrebbe essere fatto spesso, ma la 60enne non apre facilmentela porta. Sollecitare l’intervento delle autorità preposte significherebbe agire con la forza e richiedere l’intervento sanitario. L’ assessore all’ambiente e agli animali Apuzzo  ha promesso “un controllo di polizia più rigoroso e costante al fine di evitare che la signora prosegua ad accumulare gatti che sono poi costretti a vivere in condizioni indecorose”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.