Dal carcere Formigoni scrive “Carissimi amici, grazie”. Anche al consigliere Forte

Politica

Intervento del consigliere Matteo Forte a Palazzo Marino

“All’amico Roberto ora vanno rivolte la solidarietà e la preghiera. Ma della sua esperienza politica non va dispersa l’eredità. L’esercizio del suo potere non nasceva dalla coercizione, ma dalla profonda consapevolezza della maggioranza dell’elettorato di importanti valori e modi di vita ancora oggi da garantire. Con risultati misurati e certificati nel tempo da autorità indipendenti, come Banca d’Italia e Corte dei conti.

Simili risultati, incontestabili e che rimangano quale punto di paragone e contestazione, non sono certo frutto del caso o di allineamenti astrali. Sono frutto dell’unica e vera “rivoluzione liberale” che l’Italia abbia mai conosciuto. Quella rivoluzione che non ha coinciso con la formula “meno Stato e più mercato”, ma con una pubblica amministrazione che si è aperta al contributo e alla capacità auto-organizzativa della società, lasciando libertà di scelta nei servizi. Per questo grande è la responsabilità di chi ancora oggi decide di impegnarsi.”

 

Scrive Roberto Formigoni dal carcere attraverso Tempi.it

Carissimi amici, grazie per l’abbonamento, e per gli articoli e le testimonianze che mi avete inviato!

Vi prego di pubblicare, magari anche più di una volta, queste mie parole, perché i messaggi che mi arrivano sono proprio tanti.

Ringrazio tutti gli amici e le persone che in questi giorni mi stanno facendo pervenire lettere, telegrammi, cartoline, mail di sostegno e di stima.

Non riuscirò mai a ringraziarvi personalmente come vorrei.

Vi ringrazio e vi saluto tutti tramite Tempi. Ciao.

Roberto Formigoni

Comprendete bene che da parte mia ogni parola in più sarebbe fuori luogo. A voi auguro buon lavoro e buona battaglia.

Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.