Strasburgo: stanato e ucciso dalla polizia il terrorista killer del mercatino di Natale

Esteri

Ucciso dalla polizia a Strasburgo il terrorista Chérif Chekatt,  ricercato per il sanguinario attacco terroristico al mercatino di Natale. L’uomo che è stato trovato e ucciso dalla polizia in un magazzino di rue du Lazaret,
ha sparato per primo contro un’auto della polizia.

Si nascondeva in uno scantinato nello stesso quartiere di Neudorf dove aveva fatto perdere  le sue tracce la sera dell’attacco. Con sé aveva ancora il coltello. 

Sembra che sia stata una donna a riconoscerlo, notando la grande somiglianza con la foto segnaletica diffusa dai media e allertando così la polizia che è arrivata sul posto.

Il ministro dell’Interno francese, Christophe Castaner ha spiegato che
“alle 21 una squadra della brigata specializzata, composta da tre poliziotti, ha identificato l’individuo che camminava. Lo hanno interpellato. Si è girato, ha aperto il fuoco e gli agenti hanno risposto. I funzionari hanno neutralizzato l’assalitore.” Ed ha aggiunto” Sono orgoglioso delle forze dell’ordine”.

Grande compiacimento anche dal sindaco di StrasburgoRoland Ries, ai microfoni della radio francese ‘France Info’. “E’ un grande sollievo. E’ un’ottima notizia che permetterà ai cittadini di ritrovare più facilmente le loro abitudini, il loro modo di vita e i propri valori. Avevamo già deciso di riaprire il mercatino di Natale. Questa notizia ci conforta nella nostra decisione. La minaccia pesava come una spada di Damocle e turbava i cittadini. Aumenteremo la sicurezza al mercatino ma la logica generale resta la stessa”. Ma aggiunge il sindaco, c’è una concentrazione nella nostra area” di persone pericolose “forse a causa della vicinanza con il confine. E’ chiaro che le cose non si fermano dall’oggi all’indomani. Intanto siamo felici per l’esito della vicenda. Ora possiamo tornare alle nostre abitudini di vita. E’ la nostra cultura, il nostro modo di vita che è preso di mira dai terroristi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.