Trovato in casa cadavere mummificato, testimone di abbandono

Milano

Forse una morte improvvisa, un abbandono dolce, un passaggio e un anziano di 70 anni è morto in via Cà Granda senza chiedere aiuto. L’hanno trovato i carabinieri chiamati dall’amministratore dopo un’assenza di otto mesi che nessuno sapeva giustificare. La cronaca non identifica il nome, ma sicuramente era un solitario, chiuso nei suoi pensieri e un po’ burbero: così lo descrivono i vicini di casa. Probabilmente i pochi parenti erano lontani, il tempo trasacinava ogni giorno lunghi silenzi e solitudine.

Il corpo era mummificato, quasi un’accusa di abbandono. E in una Milano così frenetica e popolosa testimonia indifferenza ed egoismo. Certamente non gli ha giovato quella riservatezza che può diventare atteggiamento asociale, distante. Ma oggi chi si interessa ad un vecchio? Eppure è la memoria di una fetta di storia pregressa da non dimenticare, è la voce di tanti ricordi che ci permette di essere come siamo. Ma a Milano succede anche che una cassetta della posta sia stracolma, che un inquilino sparisca per mesi, e nessuno operativamente si chieda il perché. La morte in solitudine senza una mano di compassione è aberrante, speriamo che sia stata davvero un passaggio sereno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.