‘Ndrangheta: 5 arresti della DIA di Milano

Cronaca

Il Centro Operativo DIA di Milano, coordinato da quella Direzione Distrettuale Antimafia, ieri mattina ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari, emessa dal GIP del locale Tribunale  nei confronti di Paola Galliani, classe 1969, Giuseppe Morabito, classe 1969, Enrico Verità, classe 1961,  Massimo Emiliano Ferraro, classe 1976 e Federico Ciliberto, classe 1994, per il reato di estorsione  aggravata dal metodo mafioso .
L’attività intrapresa rappresenta la prosecuzione delle operazioni “Linfa” e “Kerina 2” che, nei mesi scorsi, avevano portato complessivamente al sequestro di oltre 150 kg di sostanza stupefacente ed all’arresto di 17 persone, principalmente di origini calabresi, per associazione finalizzata al traffico e alla detenzione di sostanze stupefacenti.
Lo scorso 27 gennaio era stato, altresì, tratto in arresto Edoardo Novella, figlio di Carmelo, già reggente della struttura di ‘ndrangheta denominata “Lombardia”, ucciso in un agguato il 14 luglio 2008 a San Vittore Olona (MI). Edoardo Novella rivestiva nell’organizzazione indagata un ruolo di rilievo, in quanto aveva messo a disposizione, per il traffico di droga, i locali di una società a lui riconducibile.
I destinatari delle ordinanze eseguite ieri mattina – tre dei quali (Morabito, Ferraro e Ciliberto) già condannati in primo grado per l’associazione finalizzata al narcotraffico di cui sopra – sono stati ritenuti gravemente indiziati di un violento pestaggio avvenuto all’inizio del 2017 e consumato ai danni di un imprenditore locale.
L’attività investigativa della DIA di Milano ha, infatti, consentito di dimostrare che i due “colletti bianchi”, al fine di riscuotere un preteso credito, hanno chiesto ed ottenuto l’intervento di soggetti contigui all’associazione criminale di stampo mafioso ‘ndrangheta, in particolare, riconducibili alle cosche Pesce e Bellocco di Rosarno. Gli stessi professionisti hanno attirato la vittima presso lo studio professionale con una scusa e lì è scattato l’agguato: gli altri indagati lo hanno circondato, minacciato e ripetutamente percosso, con lo scopo di estorcergli il pagamento dell’ingente somma di denaro.
In quella ed in successive occasioni, gli indagati hanno richiamato minacciosamente le proprie origini e la contiguità con l’organizzazione mafiosa ‘ndrangheta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.