Il primo quotidiano che parla in dialetto milanese è di Roberto Brivio e della sua ironia

Cultura e spettacolo

Milano 5 Gennaio – La notizia è del quotidiano Il Giorno, ma l’intuizione di proporre satira in milanese, farà piacere ai tanti che hanno nostalgia del meneghino. Ne proponiamo l’articolo firmato dallo stesso Roberto Brivio in lingua milanese: “Ogni settimana lo sguardo di Roberto Brivio affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

Come se fa’ a sgombrass dai residui del 2017, che a dispètt de la soa minga troppa positività, on quajcoss l’ha fàa. Ho scritt ona longa lista de robb che andaven no, minga realizzaa, senza risposta, rimandà a la fin del ‘18. Sont andà in ona discarica, me sont faa daa on pass da on operari ch’el s’è raccomandaa de fa’ minga el so’ nomm (per quell… foo nanca quel de la discarica!) hoo miss la mascherina impregnada de Coty per l’odor e semplicemente hoo brusaa la lista (attent a fà no provocà on inquinament col fumm) e me ne sont vegnù via content ‘me ‘na Pasqua, depeu avegh spantegà la scendra (cenere)su la ruera. Sembravi Lino Patruno (minga quell che fa’ el critich per Marzullo, el Patruno del Jazz in primis, de I Gufi in secundis, ch’el stà a Roma in terzis) quand gh’aveven dit che on para de anforitt cattà su, so pù in doa, portaven dislippa e l’unic antidoto l’era quell de buttaj a mar, importava no a qual. L’ha ciappaa el duu de picch, l’è andà in quell de Portofino, e da ona ròccia i a buttàa nell’acqua salada perché andassen a fond e restassen lì cont tutt el malaugurio che podeven avegh adòss.

Perché propri a Portofino? Perché lì sotta, in d’ona quaj part, gh’è el Cristo degli abissi (sperem che la follia de cancellà segn de la cristianità la ciappa minga i sub) e cont lù gh’è pocch de scherzà di malocchio e affini. Ma el malocchio esist? Disen de sì e l’è purtropp personal, e quand ne ciappa diversi, el diventa de grup e se ‘sti diversi fann on mestèe unich el se insinoa anca in del mestèe. Hann fa di film esemplar (Occhio,malocchio, prezzemolo e finocchio – Malocchio – Toccarlo porta fortuna) ch’el metteven in ridicol. E pensà che de ridicol el gh’ha pocch e che el crea laor. Domà a cuntà quej che se fan passàa per magh che le disfescen se va incontra a percentual da Esatri. Adess hann taccàa anca cont la posta elettronica. Chissà in doa van a cattà foeura i adrèss mail cont tutta la privacy che te fan firmàa “enti pubblici e privati”. E inscì come i recupero crediti, i rimbors da cession del 5°, l’insema di professionist che te garantissen de cancellà i to debit, quej che te fann crèd de mettej insema e pagà inscì ona rata sola al mes (invece ghe n’è on altra: la parcella! quand te la fatturen te sentet de avè on debit de pù), i “piccoli annunci telematici” che te disen in doa trovà (telefono, indiriss senza portineria) ona sussistenza femminil de provada capacità, on viados superdotàa, on femminin dominateur, ona poera sguangetta economica, ona fantasiosa de lusso che la viaggia in Limousine e la fa tutt all’interno cont i veder oscuràa e perfinn, hoo leggiùu, ona massaggiatrice, man freggia on prezzi e man calda on alter.

Quindi, sotta on certo ponto de vista el 2018 l’è simil al ‘17, al ‘16 , cont la differenza che nel ‘15 i prezzi a eren trii volt tanto per via dell’Expo. Eh. Potenza del commercio. Tra i tanti barzellett, calambor, disegn, auguri, letter, che m’han mandàa ghe n’è do de qualità. Per prim la version fumettada (in fumetto) de la canzon de Walter Valdi che mi gh’hoo in repertori fin da quand l’hoo cantada al TeaterManzoni ne la prima commemorazion organizzada da Franco Fiume (Riverrecords) insema a Franco Visentin, accompagnador, spalla, e punto de riferiment scenic del Valdi, alias avv. Pinetti: Un Milanese a Milano. Per second ona lettera che la parla de Milàn. La dis pressa pocch inscì: “Sont Giorgio Buratti, Cbasso Jazz. Gh’èmm laorà insema i primm temp del cabaret quand quel mago de l’Enrico Intra l’ha pensaa de fall a Milàn insema a quella che l’è stada la mia e la soa musica. Semm anca andà a Castiglioncello. On’estaa fantastica, che se po’ no ripèt come tutt i robb bej. Quej de Milàn che l’è pu quella de ‘na volta. Percors de periferia, local, cinema, osterii cont oeuf dur, teater”… Podi no pubblicalla tutta. La giri all’Intra’s Derby Club, all’Intra’s al Corso, all’Intra’s Riviera degli Etruschi, a lù, insomma: Enrico Intra. E per i barzellet d’inizi ann, se leggiom domenega prossima.”

Milano Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.