Il racket delle case popolari potrà mai essere eradicato?

Milano 18 Maggio – Due giorni fa c’è stata una retata in cui sono stati arrestati cinque Egiziani, che, per la procura avrebbero gestito 800 alloggi a San Siro. Così descrive la vicenda Repubblica:

Il loro ufficio era nel cuore del quartiere popolare di San Siro a Milano. Un bar in piazzale Selinunte, un indirizzo conosciuto da tutti, nei cortili dei palazzoni Aler, e che arrivava alle orecchie di chiunque avesse bisogno di trovare, in pochi giorni o in poche ore, un tetto. Perché per avere una casa, nel quadrilatero di vie e condomini che conta il più alto numero di occupazioni abusive in città, bisognava rivolgersi a loro. Alla banda di egiziani, cinque nordafricani che ai tavolini del bar raccoglievano le necessità di decine di disperati, proponevano appartamenti vuoti, elencavano tariffe in base alle metrature.

Una vera e propria agenzia immobiliare clandestina. Un racket degli alloggi, in palazzi in teoria sotto la gestione di Aler, nella pratica nelle mani della banda. Un ricco business portato avanti fino a quando è andata a compimento una lunga indagini del pm Letizia Mannella e degli agenti del commissariato Bonola, che hanno arrestato i quattro egiziani (un quinto è al momento irreperibile) che gestivano il racket.

Alcune considerazioni. Il quinto ce lo siamo giocati. E non lo vedremo più. La gestione dell’Aler non differisce minimamente da quella MM. Anzi. Ed il fenomeno è esploso da quando i principali vincitori nelle graduatorie per le case popolari sono stranieri. Non è razzismo. Sono, semplicemente, norme pensate per un’altra era. Qui la gente, giocoforza, va e viene. E chi subentra è difficile da controllare e gestire. Inoltre le famiglie numerose e non sfrattabili aumentano a dismisura. Aggiungeteci una giustizia farraginosa ed una maggioranza di sinistra che ama la legalità, ma molto di più l’idea di accoglienza ed il disastro è servito. Un applauso alla Procura, ma se i quattro verranno davvero puniti, quegli 800 alloggi saranno ancora gestiti da qualcuno. Perché, se un alloggio per cui il comune viene affittato a 100 e subaffittato a 1000, il gioco varrà sempre la candela. La soluzione? Non c’è finché, invece delle regole, applicheremo la morale, distorta e buonista, che ha sempre ispirato la coalizione arancione e che il 20 sfilerà per le vie di Milano.

Share Button
Luca Rampazzo

Autore: Luca Rampazzo

Laureato in legge col massimo dei voti, ha iniziato due anni fa la carriera di stratupper, con la casa editrice digitale Leo Libri. Attualmente è Presidente di Leotech srls, che ha contribuito a fondare. Si occupa di internazionalizzazione di imprese, marketing e comunicazione,

Un pensiero riguardo “Il racket delle case popolari potrà mai essere eradicato?

  • 19 maggio 2017 in 18:02
    Permalink

    Inquilina Aler San Siro. Malata oncologica, temo di dover essere nuovamente ricoverata per un altro intervento. Sto cercando, tra le mie conoscenze, una signora gentile disposta, dietro pagamento, a venire ad abitare a casa mia perchè ho il terrore che il mio alloggio, a piano rialzato, possa venire occupato. Vi sembra vita questa? I cosiddetti buonisti che domani parteciperanno al corteo pro immigrati, si rendono conto che, fra qualche mese, una volta regolarizzate le varie posizioni, tutta la marea umana si riverserà in queste zone, occupando gli alloggi disponibili e addirittura, come è già successo, appropriandosi di alloggi regolarmente assegnati approfittando dell’assenza dell’inquilino regolare, magari ricoverato in ospedale? E’ comodo, è facile fare i buonisti sulla pelle degli altri. Venite a raccontarlo alla mia amica, che ha subito, assieme all’altra unica inquilina italiana, la bellezza d 42 tentativi di occupazione nella sua sola scala. Venite a raccontarlo alle due anziane inquiline, assalite i cortile e derubate dei pochi valori che possedevano. La nostra voce non è abbastanza forte per arrivare all’orecchio delle autorità, della chiesa, del papa, ma anche le persone gentili possono perdere la pazienza.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com