Volevo essere un cantastorie per raccontare la vita, per raccontare Milano..

Milano

Milano 10 Aprile – Volevo essere un cantastorie per raccontare la vita, per raccontare Milano…Volevo cantare il cuore che guarda e sogna. Volevo parlare di me e di te e dei fiori e delle stelle e di un lungo viaggio, sempre a chiedersi perché, sempre a cercare il dove. Volevo avere il tempo per ascoltare il silenzio del dolore in quell’incontro, in quella sera di primavera. E raccontare il perché di un viso devastato dalla fatica, dall’assenza d’amore, dalla malattia. Una storia come tante, paradigma di privazioni e di povertà. Una di quelle storie sommesse in una periferia qualunque, dimenticata. Con la balera sul prato nelle notti calde di un’estate che non poteva finire. E i giochi con le biglie dei bambini in cortile, dove, in una vasca, i pesci rossi ricordavano il colore della vita. E la luna scioglieva nell’aria una dolcezza infinita. Ed era la mia e la tua speranza. Ma il tempo poi orchestra le ore e i gesti con il capriccio dell’imprevisto e il vento passa per ricordare un campo di girasoli, là, davanti alla casa dell’infanzia e un pavone che si inebriava della sua bellezza.

Volevo cantare il senso della tristezza di un clochard vestito di solitudine e di abbandono, buttato lì dall’indifferenza, sotto un portico in piazza Diaz.

Volevo raccontare gli sguardi della rassegnazione nel labirinto ossessivo dei tram e dei metro. E la violenza gratuita dei disperati. E la fame, la condivisione, la solidarietà.

Volevo saper dare il mistero delle ombre nei vicoli nascosti di una Milano tutta da scoprire, con i fiori ai balconi e la musica che deborda dalle finestre. E la gente sa ancora guardarsi negli occhi ed esprimere amore.

Volevo dipingere in musica la Bellezza dell’anima di una città contraddittoria, ma ricca di umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.