Qualche multa in meno nel 2016 e allora via a nuovi autovelox

Fabrizio c'è Milano

Milano 10 Marzo – L’Assessore Carmela Rozza presenta i risultati della grandinata di multe (3,34 milioni) che ha colpito i milanesi, tutta contenta: tanto lei gira con autista, auto blu e preferenziale!

Il motivo del suo orgoglio è che i verbali sono scesi de 5% rispetto allo scorso anno e che aumentano invece le multe alle violazioni piu odiose: soste in doppia fila e in zone vietate.
Il dato è facilmente spiegabile: i milanesi sanno oramai dove sono piazzati gli autovelox che infatti hanno dimezzato in 2 anni il loro effetto: da un milione a 500.000 euro.
Rimangono colpiti dagli autovelox i visitatori occasionali, i turisti, che sono anche le vittime predestinate delle telecamere che presidiano Area C e le corsie preferenziali. Ecco perché dai dati emerge che i residenti in città prendono solo il 36% del totale delle multe.
Messi insieme i verbali meccanici da telecamera (autovelox, area C, ZTL e preferenziali) superano ampiamente le multe staccate dai ghisa.
I verbali per sosta vietata sono aumentati ma questo è purtroppo una conseguenza prevedibile della eliminazione forzata di almeno 5.000 posti auto effettuata dalle Giunte Pisapia e Sala.
Alla fine c’è una gigantesca contraddizione fra il calo delle multe 2016 (-5%) annunciato ieri dall’Assessore Rozza  e il fatto che lo stesso Comune abbia previsto un aumento  impressionante di 45milioni di euro nel Bilancio di Previsione 2017 per le entrate da multe che toccherebbe la cifra monstre di 330milioni di euro.
 
L’unica spiegazione è che l’aumento previsto delle multe sia legato ai nuovi autovelox che l’Assessore vuole installare per far cassa.
 
Ribadiamo il solito concetto: se si vuole più sicurezza stradale ci vogliono più vigili sulle strade e agli incroci, se si vuole far cassa la ricetta più veloce sono le telecamere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.