Lasciamoci con un No il 4 dicembre: una canzone dedicata a Renzi e ai suoi fallimenti

Politica

Milano 20 Novembre – In occasione dei suoi primi mille giorni da presidente del Consiglio, abbiamo pensato bene di dedicare a Renzi una canzone. Non un testo di amore, ma al contrario un brano per lasciarsi definitivamente dopo il fallimento della sua esperienza di governo. Tutte le promesse fatte, come quelle di un amante fedifrago, sono state tradite. E allora meglio scaricarlo il 4 dicembre, dicendogli addio davanti a quella forma di altare che si chiama urna elettorale: non un Sì ma un No per sempre. Quale migliore sottofondo per troncare la relazione (o, se Matteo preferisce, per rottamarla) di Mille giorni di te e di me di Baglioni? Ecco il testo aggiornato, nella versione Mille giorni di Noi e Matteo.

Io mi affidai a te e poi ti ho creduto

a tutto e tutti ho detto di farti votare

ma adesso che tu seriamente rischi il posto

libero finalmente, non saprai più che fare.

Se non tagliasti le tasse fu tua colpa

hai fatto male all’Italia per non farlo alla tua Boschi

puntasti i piedi sulla sua riforma e noi così

andammo al voto a dire: ora dimettetevi!

Chi ci sarà dopo di te

si prenderà il tuo scranno

chissà forse Delrio

o Renzi, che volevi cambiare il mondo

potevi vincer sai

contro un miliardo di bersani.

Ma un governo va a puttane,

ci va anche il Paese mio…

Ti sfiduciammo un po’ come ci invaghimmo

senza far niente e niente poi c’era da fare

da te e Piercarlo lentamente noi fuggimmo

per non vedervi là ancora governare.

Inguaiasti l’Italia prima che l’Europa ci finisse,

perché quel debito pubblico non avesse fine,

volevi favorire la ripresa ma appena ti riuscì

di dar mance a tutti, e noi fessi lì a crederti.

Chi ti sosterrà dopo la Merkel

applaudirà la Madia

e quel pasticcio di riforme che tu

hai lasciato nei tuoi fogli

“Via la Burocrazia” così

in un modo che fa proprio pena,

non come uno che ha dritta la schiena.

Parlando a chi

spiegheremo quello che

dovevi fare in qualche mese

senza capire mai se c’è

se c’è stata per davvero

quella riforma della giustizia che non c’è.

Mille giorni di Noi e Matteo.

Ti presento

il vecchio Paese mio

L’amore che ho per lui

è per sempre e perciò a maggior ragione

in questo addio

io non mi fregherò di te.

Ora mille giorni senza Matteeeeo.

Gianluca Veneziani (L’Intraprendente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.