L’ultima disperata mossa di Sala. Le case popolari

Approfondimenti Economia e Politica

Milano 18 Giugno – Siamo ormai alla fine d questa campagna. Ed il PD, figlio di una tradizione comunista mai rinnegata, ma spesso umiliata, ha deciso di sparare con l’artiglieria. In perfetta tradizione stalinista c’è sempre una prima linea di combattenti da mandare al massacro. Questa volta l’invidiabile ruolo è toccato ai comitati degli inquilini. Le case popolari, l’ho scoperto di persona, sono un mondo molto unito, molto vitale. I comitati al loro interni sono la spina dorsale di questo mondo. Qualcuno ha voluto strumentalizzarli, ed oggi assistiamo allo spettacolo triste di questa lettera. Inviata a tutti. Per informarli che la cattiva Regione, per mezzo della corrottissima Aler, era la vera responsabile degli aumenti che da Luglio colpiranno molti di loro. E che MM era davvero, davvero meglio della precedente gestione. Sapete queste cose andavano scritte? Pensateci. Se una cosa oggi è molto, molto meglio di qualche anno fa, che senso ha ricordarlo? Che senso ha dire “beh, per fortuna non c’è più Aler?”. Nessuno. Il problema è che questa gestione, la gestione di Pisapia e della Rozza, è stata un disastro di proporzioni bibliche. Per questo bisogna mandare allo sbaraglio le truppe. Perché cerchino di raccontare ai cittadini che Nostro Signore è morto di freddo. Ci riassume il problema  il neoeletto consigliere di Forza Italia De Chirico:

“La propaganda di Sala, sulla pelle degli inquilini, è umanamente ignobile. Non è stata Aler a chiedere due volte la cauzione sulle case popolari, costringendo le famiglie a mettere da parte migliaia di euro in previsione del salasso. Non è stata Aler a giocare con le speranze e le paure della gente, nello squallido balletto del rinnovo dei contratti. È stata, invece, questa amministrazione a gestire male i lavori di manutenzione (nei pochi posti dove è stata fatta). È stata l’assessore Rozza a consigliare di non pagare le rate di Maggio e Giugno 2012, dimenticandosi poi di emetterle nuovamente con MM e rendendo morosi migliaia di cittadini, che oggi rischiano di non avere più un contratto e di vedersi portare via la casa. Non è di Aler la colpa del disastro in cui versano molti condomini MM, che rimpiangono amaramente la precedente gestione. Ci dispiace che dei bravi ed onesti cittadini si facciano strumentalizzare da questi incantatori di serpenti. Per fortuna, la maggioranza degli inquilini sanno quale sia la verità. Ed il risultato del primo turno nelle periferie lo dimostra. Si può ingannare qualcuno per sempre, si possono ingannare tutti per qualche tempo. Ma non si possono ingannare tutti per sempre, come diceva Lincoln.”.

Già. Non si possono ingannare tutti per sempre e la Realtà, aggiungo io, è coriacea. I campanelli rotti e mai sostituiti, gli sfalci dell’erba mai realizzati. I sottoscala, le aree del pattume e l’insicurezza generalizzati. Tutto questo. Tutto. È sotto gli occhi degli inquilini, che, in effetti Sala non lo vogliono nemmeno vedere da lontano, come le preferenze della Rozza testimoniano. Vedremo nelle urne che effetto hanno le menzogne. Io spero, mi auguro, prego persino, nessuno. Voi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.