Vecchia Milano: il linguaggio della Ligéra

Milano Vecchia Milano

Nella Milano ottocentesca esisteva un linguaggio usato dai balordi, dai delinquenti, dai ladri, dai teppisti e da tutti coloro che facevano parte della Ligéra, la Mala milanese.

A differenze di altri Paesi, dove i linguaggi “segreti” dei delinquenti avevano un nome, come il Jargon francese del XV e XVI secolo, o il molto più noto Argot parigino del XIX secolo, che ebbe addirittura una dignità letteraria, venendo ampiamente usato da Hugo, Balzac e Zola nei loro scritti e, nella forma più moderna, da Céline negli anni Cinquanta e Sessanta, in Italia i linguaggi della mala non ebbero alcun nome o dignità, anzi, andarono presto dimenticati nel corso del XX secolo.

La causa va cercata nell’ostracismo dell’Italia postunitaria verso i dialetti, e ancor di più nei linguaggi derivati, nel tentativo di imporre una lingua nazionale, l’Italiano, che quasi nessuno parlava e che si impose solamente nel Primo Dopoguerra al nord e nel Secondo Dopoguerra al sud.

A Milano quel modo di parlare senza nome era noto come Linguaggio Furbesco; di seguito alcune parole tradotte in italiano. Essendo un linguaggio dei balordi, i termini si riferivano per lo più al loro ambiente e cultura.

L’immagine è un grande classico quando si parla di Ligera; è praticamente usata sempre questa stessa foto, che non si sa nemmeno esattamente chi ritragga o in quale contesto.

Probabile fossero un gruppo di giovani in attesa di venire chiamati a fare un lavoro di manovalanza. Generalmente si radunavano nei pressi del Castello Sforzesco o vicino al Ponte Vetero, l’incrocio tra via Cusani e via Broletto.

Guànguana – prostituta

Mina – giovane prostituta

Vivadio – anziana prostituta diventata maitresse

Forlinn – magnaccia

Becch – magnaccia, poi transitato a indicare i cornuti.

Röcchettee – mantenuto, sorta di magnaccia non violento

Marconi – procacciatore di prostitute

Batta Bastion – uomini che si prostituivano di notte sui Bastioni nei pressi di Porta Ticinese

Batafrusta – donna dai facili costumi

Gainna coi speronn – donna anziana che truccandosi pesantemente vorrebbe risultare giovane

Gessino – sigaretta

Lôcch – malvivente, membro della Ligéra

Mago – abile truffatore o ladro esperto

Dritto – venditore ambulante che non disdegna il furto

Tirador de spada – questuanti che rubano i portafogli

Baltrescant – vagabondi dediti al crimine

Maresciall – coltello ricurvo usato dai membri della Ligéra

Bel novo – ladro novizio e incapace

Vasco – uomo, persona onesta

Marraia – il popolo, gli onesti, da cui si distingueva il delinquente

Ambroeus – persona onesta e bonaria, facilmente raggirabile e vittima della Ligéra

Butunaa de drè – sempliciotto

Fasaan – sempliciotto facilmente raggirabile

Sciancona – donna molto elegante e ingioiellata

Babi – ospedale

Bait – locanda

Pulleg – locanda

Pulleggiare – dormire

Marmotta – latitante, ricercato dalla Polizia

Smorfir – mangiare

Sboba – minestra

Pioda – osteria

Criolfa – carne

Buja – carne

Scabi – vino

Spongosa – zuppa

Misturina – pane bigio, cioè senza sale

Basletta – tafferìa di avanzi di salumi (tafferìa è il tipico tagliere di legno milanese su cui si versa la polenta bollente)

Fort – detenuto

Cavaletta – il membro della Ligéra inaffidabile, che tentava sempre di fregare gli altri

Santina – prigione

La Polla – il carcere di via Santa Margherita, demolito nel 1874

La Palazzetta – penitenziario di Porta Nuova, in via Parini

L’Albergo di Dò Campann – carcere di Palazzo del Capitano o Tribunale di piazza Beccaria

El Santo – carcere pretorio di via Sant’Antonio

El Duu – il due, indicando il carcere di via Filangieri 2, ossia San Vittore

El Babbi – la Senavra, il manicomio

Balilla – il letto di costrizione dove venivano legati i matti alla Senavra

Casa Felis – l’ergastolo

Lugubri – l’obitorio

Sfojàa la margaritta – essere sottoposto a interrogatori lunghi e violenti

El cocumer – un anno di detenzione

Avegh la collarinna – il cappio al collo o condanna a morte

Avegh la Sveglia – essere sotto sorveglianza da parte della Polizia

Noiosa – essere sotto sorveglianza da parte della Polizia

Carbonatt – avvocato penalista

Complott – processo

Gran Soprann – la legge

Pilla – denaro

Cavella – lira

Formaj – monete d’oro o d’argento

Lengua de can – cambiale

Buli – ragazzetto

Cirlinn – ragazze

Pivelle – ragazzine

Capponera – indicava sia la camera da letto che l’organo sessuale femminile in senso volgare

Baggiana – la donna, ma anche l’organo sessuale femminile in senso volgare

Crenna – l’organo sessuale femminile in senso volgare

Crenna di ciapp – il sedere femminile

Foff – il sedere

Passarina – l’organo sessuale femminile

Passarin – organo sessuale maschile

Mangiaa la fritura – fare sesso

Miscee – uomo molto vecchio che va a prostitute

Briosche – seno

Bagolon del luster – letteralmente il venditore di lucido da scarpe, ma indicava una persona che le sparava troppo grosse, un inaffidabile

Pacell – amante uomo

Scaia – amante donna

Marca – moglie

Merlinn – ladro o rapinatore

Togo – ladro di cibi

Battusi – vagabondi

Barabba – barbone

Fondeur – borsaiolo

Pinza – mano, ma anche abile borsaiolo

Negher – borsaiolo che lavorava solo su tram e treni

Spicciolista – ladro di biciclette

Bardassa – giovanissimo delinquente

Falcon – portinaio particolarmente attento e vigile

Evangelista – Vigile dell’Annonaria

Borlacatt – Guardia di Finanza

Madama – pattuglia della Polizia

Aringa – carabiniere

Dispettos – Ispettore della Polizia

Giardiniera – carro e poi furgone della Polizia

Trapanatt – contrabbandiere del Dazio

Manlnatt – vitellino

Oliv – bue

Saltador – capretto

Ciocchett – cane da guardia

Ulla – pattuglia di guardie in borghese

CiappaCiappa – questurini

Ribonza della Luna – la merce rubata

Buffador – il confidente della Polizia

Formigg de la Giusta – questurini

Bissa – questurino in divisa

El sciorDondina – capo della Squadra Mobile

Sant’Alto – Dio

Cà di sass – Duomo

Lima – camicia

Goga – sberla o buffetto

Strencia – manette fatte di corda e legno

Castagnole – ceppi in ferro

Ciapaal’amid – morire

Andaa a Bagg – morire di tubercolosi (a Baggio si trovava il Sanatorio per tubercolotici)

Archett – fucile

Berta – pistola

Tuf – pistola

Scapussaa – uccidere qualcuno con un’arma da fuoco

Scusir – uccidere qualcuno col coltello

Ingegnosa – il passepartout o la chiave falsa

Fiaa d’oca – comprare qualcosa a rate ma senza pagare

Quaglia – il portafogli

Rostii la quaglia – rubare un portafogli

Fasoeuj – letteralmente fagioli ma indicava i gioielli

Gotta – spilla in oro da giacca o cravatta

Veder – diamante

Bògol – orologio da taschino

Brija de polenta – orologio a cipolla in oro

Contessa – cassaforte

Ribonza – la refurtiva

Andaa col brasctiraa – andare a visitare un detenuto e portargli oggetti o cibarie vietate

Faa la nona – fare il palo

Ber de la lenza – bere acqua

Sderenada – l’interrogatorio con pestaggio

Sferra – coltello senza lama ricavato da un cucchiaio, generalmente usato in prigione

Menacoa – personaggio ambiguo, sempre pronto a salire sul carro del potente

Lèlla – persona di poco valore

Gabiola – batteria di ladri o rapinatori che si creava in occasione di un colpo

Coo d’or – i pompieri, per via dell’elmo dorato e scintillante

Faa eltovaja – fare lo gnorri

Tupich – rapina con uso di armi

Zanza – il balordo

Apostel – compagno

Zaffagnòn – scansafatiche

Barbetta – frate cappuccino

Bolognaa – vendere della refurtiva

Mort – la refurtiva

Soffia – la spia

Zergòn – furbo

Rusca – abito

Baravaj – masserizie di poco valore

Barlafuss – masserizie di poco valore, poi transitato al dialetto per indicare una persona di poco conto

Bozzaa – negare

Ghia – fame

Spaghesciaa – aver paura

Master Sticch – boia

Sbertir – uccidere

Trucch – truffa

Lumaa – guardare intensamente qualcuno

Balènna – convoglio di carri di merci di contrabbando

Martìn – fiasco

Bavosa – seta

Zaccalìt – attaccabrighe

Lumaga – l’orologio

La Mamma – la Terra

Vin de la Luna – vino fatto con le uve rubate

Macaronaa – riconoscere qualcuno

Faa elgatt – rubare

Bicciolàn – il dito indice della mano

Carlee – aveva vari significati: la bara; la fossa comune; il carro mortuario

Mazzapiϝc Рil pollice

Ciod – stiletto

Martolfa – la spada

Batticopp – piccione

Cantatriz – la gallina

Fangosa longa – l’anguilla

Camusciòn – stamberga

Ignorant – vittima di un furto

Bernarda – la notte

Stracchin – argento

Cagnac – boccale di birra

Scimiaa – trincare, bere smodatamente

Ghignòn – malasorte al gioco

Boìs – letteralmente ciabattino, ma indicava chi lavorava male

Bollon del Biss – Milano

Papà – Capitano di Giustizia, il vertice della magistratura milanese

Grillet – taschino

Teppa – muschio ma indicava il letto

Vasch – rispetto, riverenza

Lanfanna – moneta

Rabottaja – gentaglia

Peder – mantello

Rosari – catena

Trepp – folla

Formiga – soldatino

Formigon – il capo delle guardie

Tediosa – omelia

Luganega – la tortura tramite i tiri di corda

Menùs – frattaglie

Risquader – trippa

Stribi – il cibo

Pajnard – contadino, villico, uomo rozzo

Mitraja – le monetine di rame di poco valore, ma indicava anche gli abitanti della Provenza e talvolta anche il resto dei francesi

San Paganin – giorno di paga

San Disma – il ladro

Mont e mar – Paradiso

Perpetua – l’anima

Ghèmusch – sicuramente, certamente

Piœùcc о Piœùgg – pellegrino o forestiero

Rabbiosa – grappa o acquavite

Truss – picchiare

Zer – mano

Milano Scomparsa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.