Imprese, Ministro Urso: serve braccio di politica industriale

Economia e Politica

 “Bisogna realizzare un braccio di politica industriale che consenta agli imprenditori di realizzare i loro progetti con un aiuto finanziario dallo Stato, attraverso Cdp”. Questo il messaggio forse più significativo lanciato dal neoministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, dal palco del Città Impresa a Bergamo. Intervenendo sul tema ‘L’auto elettrica e le decisioni di Bruxelles’, Urso ha ragionato a tutto campo sul fatto che, a fianco allo strumento del Golden Power, fondamentale per bloccare , per quanto riguarda le imprese, operazioni contrarie all’interesse nazionale, serve anche un modo per far sì che, evitato l’intervento estero, un’industria strategica possa crescere e portare avanti il suo sviluppo con delle risorse finanziarie in più”. Oltre a questo, il ministro ha annunciato la convocazione di un tavolo sull’automotive che coinvolgerà tutti gli interlocutori chiave, il 5 dicembre, e da lì ogni 3 mesi, “perché sia strumento di confronto e non solo di ascolto”. Con l’obiettivo, più in generale, di raggiungere la decarbonizzazione “ma senza ideologie, partendo dal principio della neutralità tecnologica per coniugare transizione con riconversione”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.