Giovane ucciso a botte nel Milanese, sul corpo fratture e bruciature

Cronaca

Sul corpo della vittima, trovato lungo la strada statale 336 che porta all’aeroporto di Malpensa, sono stati trovati segni di violenze, tra cui ematomi al volto e fratture alle gambe. Un giovane è stato ucciso e il suo cadavere è stato trovato a Vanzaghello, al confine fra le province di Milano e Varese, sulla strada statale 336 che porta all’aeroporto di Malpensa.  Sul corpo della vittima, probabilmente di origini magrebine e dell’età apparente fra i 20 e i 30 anni, sono stati trovati segni di bruciature di sigarette e di violenze, tra cui ematomi al volto e fratture alle gambe. A dare l’allarme è stato un automobilista di passaggio.  Il cadavere era sul ciglio della strada, seminudo, con il volto tumefatto, le gambe fratturate e un pile poggiato sui pantaloni. A chiamare il 112 è stato un camionista di passaggio. Sul posto è intervenuta la Polstrada di Magenta (Milano) per i primi rilievi, quindi la Squadra Mobile di Varese e quella di Milano.  Secondo le prime indagini, l’uomo sarebbe stato picchiato, ucciso e poi scaricato da un’auto lungo la strada statale 36. Attraverso le impronte digitali gli investigatori stanno cercando di risalire all’identità della vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.