Ricordi in milanese “Sia come la sia…”

Vecchia Milano

Sia come la sia, mi son adree a parlà di ann ’55/’58, quan’ che a Milan gh’eren anmò i tram che collegaven la città con la provincia. Proppi in chii ann lì mi hoo cumincià a duprà la Milan Limbià in compagnia del mè nonno Cecco.

Il “Mombello” il trenino per Limbiate

Mi seri on fiolin de vott ann e el mè nonno l’era stà tramvier e adess a l’era in pension, ma ‘l conosseva ancamò tanti sò ex collega che lavoraven anmò proppi in su quella linea lì. E inscì di volt incontravom el Marèna, el Luison, el Carletto e di alter che adess me ricordi nanca pù! E inscì el mè nonno el cicciarava con lor per tutta la durada del tragitt e intanta se passava el temp.

A dilla sincerament, mì, nevod d’on manovrador, podevi minga fà a meno de amà i tram. Me piaseva on mond andà avanti e indree su ‘sti mezzi frecassoni e allegher e donca seri on assiduo frequentador della linea Milan-Carà, longa assee per divertimm tutt’el dì a bordo de ‘sti tram. El mè nonno intratanta ne profittava per parlà cont i sò collega e inscì el cicciarava per tutt el tragitt che l’era on piasee sentill.

La tranvia Milan Limbià, che l’era minga tròpp distaccada de quel che allora el se ciamava el “Manicomi de Mombell”. Questa struttura, averta in del 1872, a l’era l’ospedal psichiatrich pssee grand d’Italia e ‘l podeva ospità fin a triimila  malà. L’han sarà su del tutt in del 1978. Su ‘sto manicomi se podarìa scriv pagin e pagin de giornal, ma a mì el mè nonno el me cuntava su dumà quel ch’el podev ainteressà a un bagainn de settann. El me cuntava che l’era un ricover per i matt, proppi quei che faseven di robb che se pò nanca cuntai, robb de matt insòma, e che gh’eren lì di infèrmer che eren pesg del diavol, eren come di guardi che impediven ai matt de scapà e andá in gir a fa’ disaster. Lì denter aveven sarà su anca el fiœu de Benito Mussolini, ch’el se ciamava Benito Albino e che l’era mort proppi lì in del 1942. E tutt quel ch’el me cuntava su el me ciappava a tal punto che me desmentegavi de tuttcòss e me restava in del coo domà Mombel, con tutta la sua storia di matt. E inscì per tutta la settimana seguitavi a ravanà in del coo questi stori di matt e a immaginamm gent strampalada cont i œugg foeura del coo che me vegniven adree depertutt per famm stremì. E la nonna Gina “Por ninin, impienii in del coo con tel cazuu de tutti i tòball!!!”. Consolazion ghe l’avevi dalla Suora Annina, la mia maestra de scola, che la me tirava arenta a lé a famm basà el crocefiss che la tegniva al coll…..

Fulvio Pettoni

Da DIALETTO MILANESE

(foto Archivio Storico ATM)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.