Una panchina blu per le donne afghane? L’ipocrisia femminista di sinistra non firma.

Milano Società

Il pietismo peloso, la bandiera grondante di ipocrisia, le marce urlanti per difendere i diritti delle donne, appartengono al femminismo di sinistra, ad un cuore di convenienza e opportunismo. Nella sostanza difendono il genere femminile con una battaglia lessicale di cui non si sentiva il bisogno. Succede nel Municipio 5: “De Bellis ha proposto una «panchina blu» come segno di «solidarietà» nei confronti delle donne afghane, «nei cui confronti – contesta – il Comune non ha mai speso una parola». «Io – spiega il giovane leghista – non dimentico le donne afghane che ogni giorno lottano e muoiono per i propri diritti. Sono orgoglioso di essere stato il primo a proporre a Milano un simbolo di solidarietà nei loro confronti. La grave condizione in cui vivono è frutto di un radicato estremismo islamico», riferisce Il Giornale. E la sinistra, in primis le donne non hanno firmato la mozione. Riprende De Bellis “La mozione che ho presentato in Municipio è stata firmata solo da esponenti dell’opposizione (Lega, Forza Italia e FdI) e il centrosinistra si è rifiutato. La sinistra che si mobilità, fa manifestazioni, appende foto su Palazzo Marino, dimentica totalmente le ragazze afghane».

E il perché è inspiegabile, è inammissibile, manifestazione chiara della loro insensibilità, forse si può spiegare con quel diktat non scritto, ma applicato: “Non ammettere errori nel mondo musulmano” Passa quindi in secondo piano la repressione, lo stato di schiavitù delle donne afgane? Che miseria umana..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.