Corteo CGIL a Roma e no-pass a Milano: a chi giova?

Politica

15 ottobre, sembrava potesse esserci l’apocalisse: da Trieste in giù proteste e manifestazioni hanno salutato il debutto dell’obbligo di Green pass per milioni di lavoratori. Registrati disagi, specie nelle zone portuali, ma l’Italia non si è fermata. A Trieste oltre cinquemila persone si sono raggruppate davanti al porto tra urla ‘libertà’ e slogan contro il Governo Draghi. I portuali hanno impedito ai militanti di Forza Nuova e di estrema sinistra di accedere nell’area. Insomma l’operatività in Italia non è stata compromessa ed è stata premiata la fermezza di Draghi. Ieri Roma e Milano protagoniste ancora di proteste anche se per ragioni diverse. A Roma si manifesta contro i neo-fascisti più o meno immaginari, all’invito ampiamente condiviso di Landini patron della CGIL. E San Giovanni accoglie il tribuno che cita la costituzione per sciogliere Forza Nuova ed è sonoramente applaudito. Riferisce Il Giornale “…Persino Mattia Sartori, leader delle Sardine, non è voluto mancare a questa grande passerella che ha visto sfilare anche vari esponenti della società civile che guarda a sinistra come Luxuria, Don Ciotti e tanti altri. “Non c’è nessuna bandiera, è pretestuoso definirla una piazza elettorale, anzi, mi ricorda la piazza delle Sardine”, ha osato dire Sartori, neo-consigliere comunale di Bologna, eletto ovviamente tra le file di quel Pd che aveva definito “tossico”. Perché, a sinistra, ci si ama e ci si odia, ma quando si tratta di agitare elettoralmente lo spauracchio del fascismo si ritrovano tutti in piazza. Strano, ma vero proprio il giorno prima dell’apertura dei seggi per il ballottaggio a Roma…”

A Milano il corteo no-pass esibisce molti  striscioni e cartelli contro il sindacato.
“Landini babbeo il popolo in corteo”, “Cgil Cisl e Uil i fascisti siete voi”, “Solidali con i portuali di Trieste” sono solo alcuni degli slogan nel corso del tredicesimo sabato di agitazione

Qualche migliaio i manifestanti. Il corteo ha attraversato le vie della città creando numerosi disagi al traffico visto che la trattativa per un percorso autorizzato tentata in questura è fallita, dopo che i manifestanti avevano chiesto la revoca dei Daspo già emessi nelle precedenti occasione. E’ questo infatti il 13° corteo No Green Pass che si svolge a Milano, ed è decisamente più partecipato rispetto ai precedenti, ma i partecipanti sono stati controllati dalle forze dell’ordine, nonostante abbiano bloccato le macchine e invitato gli automobilisti fermi a partecipare alla protesta. Deviato anche il traffico dei mezzi di superficie.

Arrivati ai Bastioni di Porta Nuova alcuni anarchici presenti alla manifestazione No green pass hanno provato a dividere il corteo puntando in direzione della sede della Regione. Il tentativo è stato però subito bloccato dalla polizia che li ha fatti rientrare nel corteo.

Viene da chiedersi “A chi giova tanto disordine?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.