Comunali, Forza Italia: su mancanza pannelli presentata interrogazione a ministro dell’interno

Milano

La questione relativa alla mancanza di tabelloni elettorali messi a disposizione dal Comune di Milano è diventata oggetto di un’interrogazione scritta al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. A presentarla, tra gli altri, i parlamentari lombardi Matteo Perego di Cremnago, Valentina Aprea, Alessandro Cattaneo, Andrea Mandelli, Andrea Orsini, Antonio Palmieri e il commissario milanese di Forza Italia Cristina Rossello.

Nel documento si evidenzia che – come stabilito dall’art.2 della legge n.212 del 4/4/1956 comma 1 – le giunte comunali di ogni centro abitato con popolazione residente superiore a 150 abitanti hanno l’obbligo di predisporre appositi spazi, da destinare esclusivamente all’affissione di stampati per la propaganda elettorale. Tale consegna deve essere rispettata “tra il 33esimo e il 30esimo giorno precedente a quello delle elezioni”. Un obbligo di legge che la giunta Sala non avrebbe rispettato, “ledendo così i diritti di tutti i soggetti partecipanti alle elezioni amministrative” del 3 e 4 ottobre. Su un totale di 28 liste ammesse, infatti, sono stati installati solo 24 panelli, privando 4 liste (tra cui quella di Forza Italia) di un importante spazio elettorale.

    “Con la nostra interrogazione – afferma l’on. Rossello – chiediamo al ministro di fare chiarezza su una vicenda sgradevole, che rischia di generare una condizione di squilibrio. Le competizioni elettorali, per quanto accese – prosegue – devono sempre essere improntate alla massima equità. Ci auguriamo – conclude – che con l’intervento del ministero dell’Interno si possa presto correggere questa anomalia, di cui il Comune di Milano è responsabile”. Ora sarà il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese a doversi esprimere sulla questione, rispondendo all’interrogazione dei parlamentari azzurri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.