Assistenza e animazione, il piano per gli anziani nella città d’agosto

Milano

Gite alla scoperta degli angoli nascosti di Milano e fuori porta, a Boario e a Gerola in provincia di Sondrio, visite guidate e percorsi naturalistici nei parchi cittadini, passeggiate botaniche, navigazione sui Navigli, giornate in piscina, ingressi al cinema all’aperto e al chiuso, pizzate in compagnia e pranzi di Ferragosto.  È ricco il menù delle attività che il Comune propone per il mese di agosto ai suoi cittadini più vulnerabili e agli anziani che in questo periodo sono più soli e possono trovarsi in difficoltà.  Le attività proposte prenderanno avvio il 3 agosto e proseguiranno per tutto il mese; per avere informazioni e prendervi parte è necessario chiamare il contact center del Comune allo 020202 (attivo dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20) a partire da lunedì prossimo, 26 luglio. Tramite gli operatori, verrà fissato un appuntamento per un primo colloquio orientativo e per prenotare la propria presenza alle attività scelte, che dovranno seguire precise indicazioni e protocolli di sicurezza sanitaria. Per le richieste di aiuto è attivo fino al 31 agosto il ‘Piano anti caldo/anti solitudine’, che estende gli interventi di assistenza a favore di anziani, persone fragili e con disabilità già forniti durante tutto l’anno anche a quella fascia di cittadini che durante l’estate, complice il caldo e l’assenza di familiari, badanti e vicini di casa, possono trovarsi in difficoltà. Attraverso lo 020202 è possibile fare domanda di consegna di pasti, spesa e farmaci a domicilio, di aiuto per l’igiene personale e per la pulizia della casa, o ancora per il disbrigo di piccole pratiche e manutenzioni.

Tutte le richieste sono valutate da Assistenti sociali professionali che, tenendo conto dei criteri di accesso, procederanno all’attivazione del servizio.  Nell’arco dell’ultimo mese, da metà giugno ad oggi, sono state erogate in totale oltre 830 prestazioni: per la maggior parte (circa 500) si tratta di consegne di pasti a domicilio, seguite dall’aiuto nell’igiene personale (circa 150), nelle faccende domestiche (un centinaio) e dal sostegno relazionale (una sessantina).   In caso di ondate di calore, le persone fragili vengono contattate direttamente dal personale amministrativo anche nei fine settimana e nei festivi.   Hanno riaperto i battenti, già dal primo luglio come previsto dalle normative statali e regionali in materia sanitaria, alcuni dei 30 Centri socio ricreativi per anziani, presidi di socialità, sostegno e animazione per combattere la solitudine di chi resta in città. Altri Centri si stanno attrezzando per riaprire a breve, e altri ancora stanno programmando la ripresa delle iniziative per il mese di settembre.   Ai loro soci offrono varie attività ricreative, giochi, merende, ginnastica, musica, corsi di inglese e pranzi sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.