La vergognosa richiesta del Partito Gay: no a Montanelli e sì alla Carrà. Pluda “E’ questo il fulcro del partito?”

Milano

Le vergognose richieste e i vergognosi insulti del mondo LGBT si ripetono, spudorati, ingiusti, antistorici. Così il Partito Gay milanese chiede la rimozione della statua dedicata a Indro Montanelli con l’intitolazione dei Giardini a Raffaella Carrà. E dispiace l’uso improprio del nome della grande artista morta due giorni fa e inorridiscono le motivazioni presentate da un gruppo che esprime fanatismo e cecità davanti al più grande giornalista italiano.

Mauro Festa, candidato sindaco a Milano per il Partito Gay, ha dichiarato .«Nel cuore della zona arcobaleno di Milano è necessario un simbolo riconoscibile per la comunità LGBT+ e che rappresenti un messaggio chiaro del Comune per veicolare ideali e principi che dice di sposare, ma, per ora, solo a parole Per questo, chiediamo che il parco attualmente dedicato a Indro Montanelli in Porta Venezia venga intitolato a un’icona d’inclusività, rispetto e libertà conosciuta in tutto il mondo: Raffaella Carrà». «Che il Comune di Milano dia lustro a un pedofilo, perché è di questo che si tratta, anche se non lo si dice mai apertamente, è semplicemente scandaloso – ha aggiunto Festa – Il valore di Montanelli come giornalista sarà pure indiscusso, ma i suoi valori morali non possono e non devono essere taciuti e, anzi, premiati con riconoscimenti pubblici. La Carrà è invece un personaggio migliore perché Milano ha bisogno di simboli che richiamino valori di umanità, positività e inclusività: lei è stata in grado di unire “da Trieste in giù” tutti gli italiani, nel rispetto di tutte le differenze e minoranze».

Commenta Enrico Pluda, Presidente di AGIAMO – Associazione Amici Giardini Montanelli “Purtroppo le argomentazioni davvero inclusive qui sono assenti. Mi riferisco a come dovrebbero essere gestiti questi Giardini, grande patrimonio verde di Milano che invece sono trasandatissimi.
Basta fare un giro per capirne i veri problemi, anche politici, che non riguardano certo nomi o statue. Ogni pretesto è buono, dal più triste, quale la morte di un personaggio, al più festoso, quale il “pride”, per mettersi in mostra invocando il cambio dell’intitolazione o imbrattando e vandalizzando. Se questo è il fulcro del progetto di questo candidato c’è poco altro da commentare. Oltretutto Raffaella Carrà non era lombarda neanche “di adozione”.

Che risponde Sala agli amici sostenitori del Partito Gay?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.