I barconi-dehors sequestrati dal Comune, sono marci in un parcheggio, dopo ingenti costi per la rimozione

Milano

Gli affari dell’assessore al Demanio Tasca e conseguentemente del Comune hanno spesso un riscontro ridicolo e dannoso. E in più parliamo di un Sindaco manager che dovrebbe fiutare l’utilità negli affari messi in campo.

Ricordate i 5 barconi sui Navigli che vennero sequestrati dal Comune? Oggi marciscono in un parcheggio ATM a Trenno dal 2018. Il Demanio sperava di rivenderli, ma nessuno li vuole. Sono andate a vuoto due aste e il Comune, per spostarli a Trenno, nel gennaio 2018 spese 171mila euro. Barconi-ristoranti che rappresentavano memorie romantiche, sogni inespressi, paesaggi anche romantici. Erano Bar o ristoranti galleggianti sui Navigli da trent’anni. Senza autorizzazione spiega il Comune, ma rappresentavano un’attrattiva e una fonte di guadagno: per questo i proprietari sono in causa con il Comune.

Spiega Libero che se nessuno li vuole  “Le ragioni sono comprensibili: il Comune ha disposto che il costo del trasferimento sarebbe a carico dell’acquirente, ed essendo i barconi lunghi 20-25 metri e larghi 5, il costo del loro trasloco sarebbe sicuramente più alto del prezzo di acquisto. In più, viene da chiedersi, a Milano e dintorni, uno dove lo vada piazzare un bestione di quelle dimensioni. Portarli via dai Navigli era stata di per sé una operazione complessa e costosa: squadre di operai avevano “staccato” la parte superiore delle imbarcazioni dagli scafi, che enormi gru avevano poi sollevato dall’acqua per posizionarli su camion autorizzati ai trasporti speciali che, nel corso di tre notti, li avevano portati a Trenno. Il Comune aveva anche dovuto dare assistenza alla ditta che li aveva rimossi, visto che, come ricorda l’allora assessore alla Sicurezza Carmela Rozza, «il giorno precedente c’erano state tensioni coi proprietari dei mezzi, che avevano tentato di impedire il sequestro dei loro barconi». L’operazione, assai complessa, aveva avuto costi elevati, che il Comune aveva anticipato per procedere in modo più celere. Circa 170mila euro che sono poi stati messi “in conto” ai proprietari. I quali, però, si sono sempre rifiutati di pagare, innescando così una nuova vicenda giudiziaria che si trascina da circa tre anni.”

In conclusione i barconi giacciono abbandonati, arrugginiti, senza manutenzione e testimoniano i costi senza guadagni del Comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.