Autostrade, non sia CDP ma il Tesoro a comprare e poi mettere a gara

Economia e Politica

La nazionalizzazione di Autostrade per l’Italia sembra una decisione ormai scontata, ma sarà temporanea ed esplicita, o permanente e non dichiarata? E’ la domanda che si pongono Franco Debendetti (presidente dell’Istituto Bruno Leoni) e Carlo Stagnaro (direttore ricerche e studi dell’IBL) nel Focus “Autostrade: nazionalizzare per privatizzare. Perché il Tesoro, non Cdp, dovrebbe comprare Aspi” (PDF).

Dopo aver ricostruito i “peccati originali” delle modalità di privatizzazione, Debenedetti e Stagnaro spiegano perché vendere alla Cassa depositi e prestiti sarebbe un errore: “La revisione del “patto concessorio” tra le Autostrade e lo Stato è oggi improbabile perché Aspi potrebbe impugnarla con ottime probabilità di successo. Ma appare addirittura impossibile nel caso in cui la proprietà dell’azienda fosse rilevata da Cdp”. La soluzione migliore sarebbe la revisione della concessione senza interferire con gli assetti proprietari, ma se il Governo volesse comunque andare avanti? Debenedetti e Stagnaro propongono una soluzione alternativa: “La soluzione è politicamente percorribile e tecnicamente semplice: sia il Tesoro, non la cordata guidata dalla Cassa, a rilevare il 100 per cento di Aspi… Il Tesoro potrebbe intervenire sulla concessione, rivedendone radicalmente i termini, anziché accontentarsi di aggiustamenti al margine, incominciando ad accorciarne significativamente la durata (per esempio dal 2042 al 2022)”. A quel punto la concessione potrebbe essere rimessa a gara evitando gli errori del passato e tornando a una gestione privata.

Il Focus “Autostrade: nazionalizzare per privatizzare. Perché il Tesoro, non Cdp, dovrebbe comprare Aspi” di Franco Debenedetti e Carlo Stagnaro è liberamente disponibile qui (PDF).

Istituto Bruno Leoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.