L’asfalto ha mangiato molte corsie ciclabili e relative segnalazioni. Adesso si chiede di pagare anche il rifacimento?

Milano

Sembra una presa in giro, ma non è così. L’asfalto sta prendendo la sua rivincita sulle strisce gialle e la segnaletica delle biciclette che dovrebbero segnalare le corsie ciclabili e oscura colori e indicazioni. Per dire, ma è già stato detto, che la rivoluzione copernicana della viabilità voluta dal comune sbiadisce, si autocancella. Insomma neppure la scelta della vernice è stata fatta con discernimento. E dopo aver fallito anche la scelta del bitume per una manutenzione lowcoast delle strade martoriate dalle buche, dopo sei mesi siamo qui a discutere di “rifacimento” delle corsie ciclabili.

Il Corriere elenca “Prendiamo il caso di viale Monza, ciclabile contestatissima durante la sua realizzazione la scorsa estate. Per lunghi tratti la segnaletica, unica «protezione» per i ciclisti, è già prossima alla scomparsa… Ancora peggio sul cavalcavia di viale Puglie. Qui i segnali che indicano il tratto ciclabile sono già indistinguibili dal resto dell’asfalto. Altrettanto in via Pola, tra piazzale Lagosta e Palazzo Lombardia, dove la segnaletica per le due ruote è tristemente appassita nonostante la primavera appena iniziata”.

Ma Granelli aveva una fretta indiavolata, Sala doveva far vedere la sua anima verde prima dell’adesione al partito green…e annunciare ogni giorno o quasi un prolungamento di piste ciclabili era essenziale per la campagna elettorale. E adesso il Comune pensa a un continuo monitoraggio, a un (continuo) rifacimento e i milanesi pagano interventi sine die. Ammesso che si sappia fare, perché la parola manutenzione non è praticamente mai applicata.

2 thoughts on “L’asfalto ha mangiato molte corsie ciclabili e relative segnalazioni. Adesso si chiede di pagare anche il rifacimento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.