Legge: 18 marzo Giornata nazionale delle vittime del Covid

Economia e Politica

Era  il 18 marzo 2020 e i camion del dolore incolonnati, nel fredda silenzio di un’alba incerta, trasportavano i morti per Covid di Bergamo. Erano le salme che non trovavano posto al Cimitero della città e raggiungevano i forni crematori anche di altre regioni. Il dramma si consumava in un’immagine di una violenza inimmaginabile, scosse l’umanità dell’intera nazione, diede una misura disperata della tragedia che si stava vivendo.

La Chiesa di Ognissanti all’interno del cimitero venne trasformata in un’enorme camera mortuaria: centralmente, nella grande navata, una media di 40 bare stazionava in attesa di cremazione. Le sirene delle ambulanze diventarono assordanti e le farmacie esponevano cartelli con la scritta “mascherine e amuchina esaurite”.

E’ stata data via libera all’unanimità dalla Commissione affari costituzionali del Senato al ddl 1894 per istituire la Giornata nazionale delle vittime da Covid 19, il 18 marzo. Il disegno di legge, approvato in sede deliberante, è legge.

E la scelta della data non è casuale.

Un virus era entrato nelle case, faceva stragi inaudite e le bare cominciarono a invadere le chiese, con le panche per i fedeli ribaltate le une sulle altre per fare spazio. Un’emergenza che lascia senza parole e senza lacrime: il dolore annientava qualsiasi volontà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.