Moratti riferisce sulla situazione vaccini: si prevede conclusione prima fase il 5 marzo

Lombardia

In Regione Lombardia si prevede di concludere la Fase 1 della campagna vaccinale anti-Covid il 5 marzo. Lo ha spiegato il vicepresidente della Regione e assessore al Welfare, Letizia Moratti, in commissione Sanità al Pirellone. “Siamo in attesa di conferma del piano di consegne. Alle attuali consegne l’ipotesi di completamento della Fase 1 è prevista per il 5 marzo, con la vaccinazione di tutte le categorie previste nella Fase 1”, cioè operatori sanitari, sociosanitari e ospiti delle Rsa. “Dal 5 marzo può partire la Fase 1-bis”, che dovrebbe concludersi “il 25-26 marzo”. Moratti ha ricordato che tra le categorie inserite in Fase 1-bis sono gli operatori e ospiti della residenzialità psichiatrica, dell’assistenza domiciliare e dei centri diurni, oltre a farmacisti, dentisti e odontoiatri, operatori della sanità militare, gli ambulatori accreditati e gli informatori scientifici. “Questa fase se verranno rispettate le consegne dovrebbe chiudersi nelle giornate di fine marzo, 25-26 marzo”, ha chiosato Moratti.  In Lombardia per la Fase 1 della campagna vaccinale “sono in fase di vaccinazione gli operatori sanitari, sociosanitari e gli ospiti delle Rsa. La popolazione individuata è una popolazione di 340mila unità, aderenti sono 320mila”.

Lo ha rivelato l’assessore al Welfare della Regione, Letizia Moratti, in commissione Sanità al Pirellone. Moratti ha sottolineato che per la selezione della popolazione da vaccinare i sono quelli “che la struttura commissariale ha indicato: operatore a qualunque titolo presente in struttura”. Per quanto riguarda l’andamento delle somministrazioni, Moratti ha detto che “effettuate il 26 gennaio erano 246.271 dosi su 305.820 vaccini consegnati: pari al 78,5%. L’indicazione che ci è stata data dal commissario è avere delle scorte sufficienti per garantire a tutti la somministrazione della seconda dose”, ha chiosato Moratti.  Arriveranno in Lombardia 400mila dosi di vaccino anti-Covid entro fine febbraio. Lo ha annunciato in una nota la Regione. Pfizer si è impegnata a consegnare alla Lombardia 294.840 dosi effettive: 85.410 nella settimana dell’8 febbraio, 104.130 in quella del 15 febbraio e 105.300 nella settimana del 22 febbraio. Moderna ha invece comunicato un piano di consegne effettive così ripartito: 27.500 nella prima settimana, 82.100 nella terza. “Si tratta di un piano di consegne piuttosto corposo – ha spiegato il vicepresidente ed assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti – che va nella direzione di proseguire in maniera incisiva nella campagna di vaccinazione sul territorio, fondamentale per andare a diminuire ulteriormente il rischio di contagi e arrivare a situazioni sanitarie gestibili senza emergenze da parte degli operatori e con fiducia da parte della collettività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.