La via indicata da Berlusconi, ovviamente con un premier diverso

Economia e Politica

C’è chi si ostina a dare una lettura distorta del comunicato diffuso ieri sera da Silvio Berlusconi. Eppure, basta leggere: “Avevamo avanzato la proposta di un governo di unita’ nazionale… Finora i partiti della maggioranza hanno lasciato cadere questo appello a soluzioni condivise, preferendo tattiche parlamentari di corto respiro. Di fronte a questo, abbiamo constatato che una paralisi di due mesi per le elezioni farebbe meno danni rispetto ad una paralisi di due anni di non-governo. Ma è evidente che il Paese ha bisogno di concordia e di efficienza, non di paralisi che, lunghe o brevi che siano, in questo momento non farebbero il bene dell’Italia”.

Mi pare chiaro che la linea non è “elezioni o morte”, che è il modo migliore per puntellare Conte, ma “basta propaganda, facciamo tutti insieme il possibile per salvare il salvabile”. Ovviamente, con un premier diverso…

Andrea Cangini senatore Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.