La strage degli alberi: oltre la neve, la scarsa manutenzione del verde pubblico

Fabrizio c'è Milano
Oltre ai disagi di ieri e al ghiaccio sui marciapiedi di oggi la nevicata della scorsa notte ha soprattutto causato una ecatombe di alberi: almeno un centinaio gli alberi crollati o spezzati a causa della neve nelle strade e nei parchi milanesi.
Mentre i social sono pieni delle pubblicità istituzionali del Comune per il programma Forestami, tanti alberi di alto fusto sono schiantati a terra o peggio su auto in sosta, paralizzando anche la circolazione e il trasporto pubblico.
Perché è successo? Perché nei mesi scorsi è mancata la potatura degli alberi più alti e la verifica della stabilità delle piante (VTA) che sono 2 attività fondamentali che il Comune commissiona al raggruppamento di ditte che curano la manutenzione del verde di Milano.
La strage degli alberi, per una nevicata di 20 cm, è dunque dovuta alla scadente manutenzione su cui il Comune non ha vigilato.
L’appalto della manutenzione del Verde prevedeva un contratto di 3 anni estendibile, motivandolo, di un altro anno. Senza nessuna ragione il Comune ha concesso dunque una proroga di un anno e si accinge a darne una di almeno altri  6 mesi fino a settembre 2021 per una fornitura di servizi che vale 13 milioni annui. In cambio di questo il Comune ha accettato un servizio scadente nel taglio dell’erba, nella pulizia delle aree cani, nelle potature e nella verifica di stabilità.
E oggi ne paghiamo il costo ambientale.
Così, mentre da un lato si annuncia il progetto di piantare 3 milioni di alberi (purtroppo ancora sulla carta), dall’altro si perdono centinaia di grandi alberi per incuria.
Un ambientalismo  non parolaio dovrebbe prima portare alla salvaguardia degli alberi esistenti e poi alla reale piantumazione di nuovi alberi. Ma ancora una volta Sala fa solo propaganda e la neve scioglie i bluff social del Sindaco.

1 thought on “La strage degli alberi: oltre la neve, la scarsa manutenzione del verde pubblico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.