L’ufficio sentimenti smarriti non c’è, ma si possono riconquistare, a Natale

Milano Società

In questa roulette di colori che tenta di dare una spinta alla rinascita, quell’arancione da Domenica è una conquista ancora molto piccola di autonomia. E nel Natale che verrà, Gesù nascerà due ore prima, quasi che la ricorrenza fosse una gag da recitare indifferentemente. Ma, forse, ci risparmieremo i canti di Natale storpiati, l’infinito dilemma: presepe sì, presepe no in classe.

“Stanza degli abbracci” in una residenza per anziani

La scuola governata dalla Azzolina, detta ai tempi del liceo Cazzolina, è un buco nero senza fondo, le luminarie in periferia sono ancora un pio desiderio, le strade mantengono le solite buche, quasi fossero grandi occhi stupiti per l’incuria dell’amministrazione.

Ma le piazze dovrebbero cantare la gioia, verniciate, colorate per il benessere degli immigrati. Come sarà il Natale con pochi “congiunti”? Non so: gli affetti a volte prescindono dalla parentela, alcune famiglie ancora piangono il decesso di una persona cara. Scrivevo per combattere disorientamento e incertezza “Vorrei ricomprare i sentimenti (semplici) smarriti, così, tanto per fermare il tempo, così, tanto per tornare a sognare. E allora immagino di essere un clown che sa parlare ai cuori bambini, che sa ridersi addosso, con gli occhi velati dal pianto. Ma l’ufficio sentimenti smarriti non c’è. E non ci sono cerotti per sanare i graffi dell’anima. E teorizzare che altre priorità la vita attuale impone è dimenticare la propria dimensione più umana, la propria sensibilità. E’ attraversare il tempo nella difesa ossessiva di se stessi, delle poche o tante cose che possediamo, è inaridire i gesti, è circoscrivere i desideri. Ma vorrei tanto poter ricomprare la leggerezza del vivere, quando, la sera, l’aria cantava nelle strade senza paura e gli incontri profumavano di verità”. E’ il momento di gustare la semplicità di una carezza e riavere, a Natale, quel tempo d’incanto e di partecipazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.