Fontana scrive a Conte: aiuti per le categorie più danneggiate. Condivisione di Forza Italia

Lombardia

“La rapida evoluzione del quadro epidemiologico impone decisioni gravose sempre più difficili da contemperare ai bisogni del tessuto economico del Paese e sono cosciente dell’evoluzione del quadro epidemiologico e dei conseguenti oneri che comporta”. Si apre così la lettera che il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha inviato al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e per conoscenza ai ministri Gualtieri e Speranza, per chiedere, come recita l’oggetto della missiva, “ristori per categorie maggiormente danneggiate a seguito dell’emergenza Covid-19”. “I miei più recenti atti – ha proseguito Fontana – nel loro consueto rigore dettato dall’ottemperanza alle indicazioni degli organismi tecnico-scientifici, hanno sempre perseguito la tutela e il rispetto dell’attività imprenditoriale di coloro che hanno fatto, e continuano a fare, ogni sforzo per rendere le proprie attività sicure ottemperando alle linee guida dell’Istituto superiore della sanità e del ministero della Salute”. Fontana, poi, ha citato il rapporto di Confcommercio Lombardia, che stima che la stretta anti-Covid imposta dall’ultimo Dpcm agli esercizi pubblici costerà 860 milioni di euro al mese. “Una perdita colossale”. “Mi preme – ha aggiunto il presidente lombardo – ricordare le attività collegate alle fiere che subiscono inevitabilmente i riflessi delle disposizioni nazionali e il sicuro annullamento degli eventi fieristici della prossima annualità, compreso l’indotto che tali manifestazioni comportano a tutte le imprese, agli artigiani, ai commercianti è stato chiesto di attenersi ai protocolli e alle linee guida per contenere la diffusione del virus.

Oggi, dopo alcuni mesi, gli si chiede di nuovo di chiudere o di diminuire drasticamente il volume d’affari, senza distinguere tra chi le regole le rispetta e chi invece no. Ora si tratta di fare scelte efficaci e comprensibili per i cittadini, nello spirito della leale collaborazione istituzionale fra i diversi livelli di Governo che ha contraddistinto sin qui il nostro lavoro”.  “Il gruppo regionale di Forza Italia sottoscrive la lettera che il governatore Fontana ha scritto oggi al Governo: una missiva che apprezziamo per toni e contenuti. La Lombardia è stata investita da un’onda devastante e ha fatto sacrifici enormi per tutelare la salute delle persone e il lavoro di migliaia di cittadini. Dall’esecutivo ci aspettiamo quanto prima un sostegno concreto a favore di tutte le categorie che stanno vivendo un momento di forte difficoltà, con effetti devastanti per la nostra economia e per la vita dei lombardi” afferma Gianluca Comazzi, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale. “Nell’interesse di tutti – prosegue -, tra gli enti locali e il Governo dev’essere siglato un ‘patto istituzionale’ fondato sulla correttezza: al di là dei colori politici, la nostra priorità è tutelare la vita dei lombardi potenziando la sanità, il trasporto pubblico locale e garantendo sostegno economico immediato a ristoratori, baristi, commercianti e a tutte le categorie che rischiano di chiudere per sempre le loro attività. Per riuscire in questo – conclude – il Governo deve impegnarsi a garantire i finanziamenti necessari ad arginare quella che si preannuncia essere una crisi gravissima, per molti irreversibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.